rotate-mobile
Manifestazioni Cervia

Gli sbandieratori faentini incantano Cervia

Si è conclusa domenica con un grande successo di pubblico la mostra collettiva “Un mare di ceramica”, promossa dalla Confartigianato in collaborazione con la Camera di commercio di Ravenna

Si è conclusa domenica con un grande successo di pubblico la mostra collettiva “Un mare di ceramica”, promossa dalla Confartigianato in collaborazione con la Camera di commercio di Ravenna, nell’ambito della proficue relazioni in essere tra i Comuni di Cervia e Faenza. Alla rassegna, inaugurata il 4 luglio scorso nella Vecchia Pescheria della città adriatica, erano esposte opere antiche e moderne, restaurate dallo Studio di restauro ceramico di Valeria Castellari e da Simona Serra restauro ceramico, e opere tradizionali ed artistiche contemporanee di maestri ceramisti manfredi, quali: Antonietta Mazzotti, Bottega Vignoli ceramiche artistiche, Carla Lega Ceramiche d’arte, Ceramica Gatti 1928 di Davide Servadei & C., Ceramiche d’arte Vitali, Ceramiche Monica Ortelli, Maestri maio-licari faentini di Lea Emiliani, Mirta Morigi ceramica contemporanea e Susanna Vassura.

“La collettiva ceramica, così come la manifestazione “Una via per il mare: Faenza e Casola a Cervia”, svoltasi il 21 luglio, alla presenza di centinaia di turisti italiani e stranieri – afferma il vice sindaco di Faenza e nuovo presidente dell’Ente Ceramica Massimo Isola – costituirà un appuntamento fisso dell’estate per tutto il nostro territorio.” “Pur nella difficile fase economica e sociale, nazionale ed internazionale che stiamo attraversando, vogliamo dare continuità alla collaborazione tra Cervia, Faenza e Casola Valsenio, ampliandola se possibile ad altri comuni, affinché i nostri territori facciano sempre più sistema tra loro, con i propri enti e progetti, per contribuire a ridare vitalità alle comunità e al paese.”

“L’esibizione degli sbandieratori del palio del Niballo, la mostra di ceramiche, la presentazione dei prodotti tipici, quali, ad esempio, le erbe officinali di Casola Valsenio, l’olio di Brisighella, i vini di Faenza, Castel Bolognese e Solarolo, ed altre iniziative del territorio – aggiunge Isola - diventeranno pertanto un appuntamento fisso dell’estate romagnola, anche per contribuire a realizzare quel progetto turistico e culturale condiviso del territorio, che sta a cuore a tutti noi”. “Una particolare centralità – conclude il vice sindaco manfredo – hanno avuto ed hanno i Rioni e il Gruppo municipale del palio, il cui successo a Cervia è stato a dir poco incredibile. Il Niballo, infatti, fa parte del progetto di valorizzazione turistica del territorio e si pone quale anello importante del sistema turistico e culturale regionale, per il quale la Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione uno specifico contributo, che vogliamo utilizzare per rafforzare il rapporto tra il palio stesso e i prodotti tipici del Faentino.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli sbandieratori faentini incantano Cervia

RavennaToday è in caricamento