Un simbolo di legalità e rinascita: si pianta l’Albero Falcone

Sabato 12 ottobre alle ore 12:00 al parco pubblico "Gino Pilandri" di Milano Marittima viene piantato “l’Albero Falcone”.

Sulle “ceneri” degli oltre 2200 pini marittimi abbattuti dalla forza devastante della tromba d’aria che colpì il cuore della “Città Giardino” lo scorso mese di luglio, Milano Marittima è pronta ad ospitare una nuova fonte di Vita, il simbolo della Vita per eccellenza: l'albero. Un Albero speciale, donato dalla Famiglia BENZI, le cui radici verranno alimentate da un terreno fertile; fertile di speranza e di voglia di combattere l’Illegalità, forte dei valori della Giustizia e di Legalità. Questo Albero è pronto a germogliare idee che si trasformano in progetti, mirati soprattutto ai più giovani, a quella “fetta” di popolo che ha voglia di ribellarsi al sistema mafioso, affinché l’Italia tutta sia unita sotto la bandiera della legalità.

Per l'evento sono presenti la Prof.ssa Maria Falcone (sorella di Giovanni), Presidente della Fondazione Falcone, Leonardo Guarnotta (già Presidente del Tribunale di Palermo, colui che istruì il famoso maxiprocesso unitamente insieme a Falcone e Borsellino) ed il Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Bologna Ignazio De Francisci.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Inaugurazioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Una serata a caccia di fantasmi tra i luoghi "infestati" di Romagna

    • 1 febbraio 2020
    • ritrovo a Villa Laderchi (La Rotonda)
  • J-Ax fa tappa a Ravenna: un mini-live per presentare il nuovo album "Reale"

    • solo domani
    • 28 gennaio 2020
    • Centro Commerciale Esp
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Grandi successi e tante sorprese: Massimo Ranieri torna a incantare Ravenna

    • 11 febbraio 2020
    • Teatro Alighieri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento