La mostra del Liceo artistico e il non-rogo dei libri donati

In occasione del “giorno della memoria” è stata inaugurata una mostra curata dagli alunni e dai docenti del Liceo artistico “Nervi-Severini”. Varie opere fanno perno attorno alla tristemente famosa fotografia dell'ultimo ebreo del paesino di Vinnitsa che è rappresentato un attimo prima dell'esecuzione.

La mostra rimane aperta fino al 17 febbraio su prenotazione durante l’orario scolastico, dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 14:00 e da lunedì 5 a venerdì 9 febbraio anche dalle 14:30 alle 18:00.

A proseguire le attività legate alla Giornata della Memoria, venerdì 9 febbraio 2018 alle ore 12:00 gli alunni del Liceo artistico “Nervi-Severini”, accompagnati dai docenti, si rechano in Piazza del Popolo per un Book mob, un flash mob in cui gli alunni portano un libro, incartato, con scritta una dedica a un ignoto lettore futuro e, in fila indiana lo depositano al centro della piazza creando una montagna di libri attorno alla quali i ragazzi si dispongono in cerchio. La montagna dei libri intende rievocare il rogo dei libri avvenuto a Berlino nel maggio del 1933, con la provocazione di donare i libri invece di bruciarli. Ogni alunno, infatti, potrà riprendere un libro diverso da quello donato. I libri donati e scambiati saranno postati sul profilo Instagram del liceo con #artisticoravennabookmob.

E ancora, dipinti, fotografie, ritratti dei “Giusti”, opere in mosaico e sculture: un “Mucchio” di statue classiche infrante, cadute, che simboleggiano le macerie del pensiero fra macerie di corpi, e rappresentano la grande sconfitta di un’epoca. 
E le foto che ci ricordano la “banalità del male” esercitata di recente negli stadi utilizzando la foto di Anne Frank e la suggestione, l'impronta espressa in tre fotografie, che rimane in una studentessa dopo aver letto un racconto riguardante i campi e la riproduzione del foglio di Wannsee con il totale previsto dai nazisti.

E si cita il caso Mortara, il bimbo di Bologna rapito alla sua famiglia per battezzarlo perché secondo la Chiesa cattolica solo con quel rito si era salvi e qualsiasi azione era giustificata da questo concetto di redenzione.

Il lavoro, promosso dal Dirigente scolastico, Mariateresa Buglione, è stato coordinato dai professori Werner Bortolotti, Dorina Pignatelli, Enrico Roda, Stefano Cappelletti, Claudio Righi e Federico Zanzi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda: lo "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 27 aprile al 6 giugno 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna

I più visti

  • L'eterno fascino di piante e fiori si riscopre con le visite ai “Giardini segreti”

    • Gratis
    • dal 8 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma
  • Passeggiate, tour in bici, aperitivi e spettacoli itineranti: tanti eventi in Darsena

    • Gratis
    • dal 15 al 16 maggio 2021
    • Darsena
  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento