A Ravenna una mostra dedicato all'"imperatore" del jazz Carlo Bubani

Dal 14 al 28 ottobre le vetrine del Private Banking della Cassa di Risparmio di Ravenna, in Piazza del Popolo 30, ospiteranno la mostra dedicata a Carlo Bubani, “imperatore” del jazz: vi sono esposte foto (di Giorgio Biserni, Roberto Masotti, Enzo Pezzi, Natale Vallicelli), locandine e manifesti storici. Per il taglio del nastro si esibiranno in concerto i giovanissimi protagonisti di “Pazzi di Jazz”: l’Orchestra dei Giovani diretta da Franco Emaldi e il Coro Swing Kids diretto da Catia Gori (voce solista il piccolo Giacomo Pugliese, mascotte dell’iniziativa) eseguiranno alcuni cavalli di battaglia per gli arrangiamenti di Tommaso Vittorini, da Night And Day a Blue Moon (ore 18).

Allestita proprio negli spazi che un tempo ospitavano l’elegante negozio di abbigliamento del fratello di Carlo, l’esposizione, in collaborazione con il Liceo Artistico Nervi – Severini, vuole essere un omaggio al fondatore di “Ravenna Jazz” e alla storia di questo eccelso ambito artistico che ha segnato la città di Ravenna: dalla tradizione del festival più longevo d’Italia (nato nel 1974) all’eredità raccolta dall’iniziativa “Pazzi di Jazz”, che dal 2014 coinvolge alunni e studenti delle scuole ravennati di ogni ordine e grado in laboratori, incontri con artisti di vaglia e concerto finale con 250 giovanissimi sul palco diretti dai loro maestri, al futuro archivio storico che si intende realizzare per conservare la memoria di queste fondamentali esperienze. Il tutto nel nome dell’indimenticabile Carlo Bubani. 

Oggi lo ammettono tutti: il jazz è uno dei fenomeni più importanti accaduti alla cultura nel XX secolo. Ma ancora negli anni Cinquanta, questa era considerata una musica per iniziati. In giro per la penisola, c’erano pochi anticonformisti che quel tesoro l’avevano scoperto e, invece di tenerlo per sé, lo volevano condividere. Così, si avventuravano a proporre festival e concerti in una provincia italiana che non vedeva oltre Nilla Pizzi e la romanza della Tosca. Uno di questi generosi pionieri si chiamava Carlo Bubani: nel 1974 fu lui a fondare Ravenna Jazz, che nel 2016 terrà la sua quarantatreesima edizione. Chiunque l’abbia conosciuto ha potuto apprezzarne la competenza, la lealtà, l’anticonformismo intelligente, la simpatia, la passione, la raffinata eleganza che, come non sempre accade, era un riflesso dell’eleganza di pensiero. “Bubo” era uno di quei jazzofili che, pur affezionati al proprio retaggio, mantengono una curiosità intellettuale da adolescenti.

L’aver amato in gioventù Dexter Gordon e Benny Goodman, non gli impediva di entusiasmarsi per Ornette Coleman e Misha Mengelberg, John Surman e Sun Ra. Era una di quelle persone che sanno dov’è la bellezza, e la coltivano con la più grande cura: l’ascoltatore che ogni musicista vorrebbe avere. A lui è dedicata l’iniziativa "Pazzi di Jazz", che giunge nel 2016 alla terza edizione: basata su incontri e laboratori nelle scuole di Ravenna e dintorni con Paolo Fresu, Francesco Martinelli, Ambrogio Sparagna, Alien Dee, Nico Gori e coronata da un concerto finale (con 250 giovanissimi in scena), il 2 maggio in Piazza del Popolo, intitolato “Blue Skies” e inteso come omaggio a Ella Fitzgerald nel ventennale della scomparsa. Nella consapevolezza dell’importanza di conservare la memoria di quanto di bello è stato fatto in questa città, è stata lanciata una petizione per l’istituzione di un archivio storico che lo documenti: https://tinyurl.com/ravennajazz

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Genio e ricerca: in mostra i mosaici di Chuck Close

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna

I più visti

  • Costine, cotechino, porchetta e ragù alla Sagra de pörc

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 16 al 18 novembre 2019
    • parco Pertini
  • La notte di Patti Smith: la Sacerdotessa del Rock all'Alighieri

    • 4 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Una serata con Manuel Agnelli: il frontman degli Afterhours in concerto all'Alighieri

    • 26 novembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Niccolò Fabi torna in tour e parte da Ravenna

    • 1 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento