rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Eventi Bagnacavallo

Musica senza confini per il Bagnacavallo Festival

Tra le sorprese della rassegna Gian Luigi Carlone della Banda Osiris, Hebra de luz, i burattini e un omaggio a Rossini

Un festival dedicato a Bagnacavallo e che della città che lo ospita porta il nome, perché unisce volontari, enti e associazioni, aziende, Amministrazione comunale e perché è pensato per chi resta in città nel mese di agosto, o qui viene dai vicini luoghi di vacanza. Questo è il Bagnacavallo Festival, che giunto alla settima edizione, proporrà dal 2 al 30 agosto nove appuntamenti fra concerti, narrazioni e spettacoli di burattini pensati per essere fruiti dal pubblico più vasto possibile in luoghi pubblici e privati.

Giovedì 2 agosto, alle 21, il Bagnacavallo Festival prenderà il via dalla Chiesa del Suffragio con il concerto dell'Ensemble Symposium in collaborazione con la rassegna I luoghi dello spirito e del tempo 2018 a cura di Collegium Musicum Classense.
Lunedì 6 agosto, alle 21.30, sarà il Giardino dei Semplici ad ospitare Il Conciorto, concerto di canzoni originali a tema orticolo di Gian Luigi Carlone, cofondatore della Banda Osiris,  accompagnato da Biagio Bagini, in collaborazione con Cercare la Luna. Carlone suona verdure vere grazie a un sistema open source: uno spettacolo che unisce l’ecologia alla tecnologia e che non poteva che essere allestito presso il Giardino dei Semplici.

Ci si sposterà poi nel chiostro dell’ex convento di San Francesco martedì 7 agosto, alle  21.30, per Hebra de luz, dove la cantante Sorah Rionda Hernandez racconta le sue origini, storia e influenze fra canzoni antiche, folkloristiche, cubane e di propria composizione, arricchite di sonorità celtiche e jazzistiche. L'appuntamento è in collaborazione con l'albergo Antico Convento San Francesco.
Trasferta del festival a Villanova di Bagnacavallo giovedì 9 agosto, alle 21.30, nel giardino di casa Brunetti-Morigi per La Follia, concerto di un duo di musicisti che vanta un repertorio vastissimo: dal barocco a Stravinsky, dalle vecchie canzoni italiane ai Beatles, dal jazz alla sigla di Goldrake.

La vigilia di Ferragosto vedrà un concerto a Boncellino, nel cortile di casa Ossani, dove martedì 14 agosto alle 21.30 andrà in scena Contrada Lamierone, un suggestivo viaggio tra la Francia di inizio Novecento, con richiami al musette e al manouche, l'Est Europa con arie balcaniche e tzigane e brani originali, assieme a improvvisazioni dal sapore swing. 

Un omaggio a Gioachino Rossini nel 150° anniversario della morte sarà proposto martedì 21 agosto, alle 21.30, nel giardino di casa Minguzzi con Le sonate a quattro in collaborazione con Rossini Summer Fest, a cura di LaCorelli di Ravenna. Le sei sonate a quattro per archi vennero composte da Rossini all'età di dodici anni durante le vacanze estive trascorse presso la tenuta di Conventello di Ravenna nella casa della famiglia Triossi.

Il primo appuntamento con i burattini in piazzetta del Carmine è fissato per giovedì 23 agosto, alle 21. Giorgio Gabrielli presenterà A spasso con Sandrone, spettacolo di burattini, pupazzi e arti varie. Si proseguirà poi martedì 28 agosto, sempre alle 21, con Lucia Osellieri e Santosh Dolimano in La casa degli gnomi. Entrambi gli spettacoli sono realizzati in collaborazione con la rassegna Burattini e Figure 2018, a cura di Teatro del Drago.
A chiudere il Bagnacavallo Festival, giovedì 30 agosto alle 21.30 in piazza della Libertà, sarà la RetroMarching Band, per far cantare, ballare e divertire il pubblico con dixie, gipsy, ska, valzer, rumba, samba, musica balcanica, rock'n'roll…

L'ingresso a tutti gli appuntamenti è a offerta libera.
In caso di maltempo gli spettacoli all'aperto si terranno in altri luoghi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Musica senza confini per il Bagnacavallo Festival

RavennaToday è in caricamento