Natale a Bagnacavallo: le feste all'Ecomuseo fra presepi e momenti conviviali

Martedì 31 dicembre la sala conviviale dell’Ecomuseo ospiterà la Fësta de’ Scartòz, un trebbo per la notte di San Silvestro per trascorrere assieme l'attesa dell’anno nuovo

Continuano le iniziative e gli incontri conviviali presso l'Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo. È visitabile dall'8 dicembre la mostra di presepi creativi La Capanna del Bambinello, allestita nelle capanne dell’Etnoparco e all'interno della sede museale per un Natale vero, partecipato e sostenibile. Tutti i presepi esposti sono dettati dalla creatività individuale e realizzati con ogni sorta di materiale recuperato nell’ambiente circostante.

Si può ammirare ad esempio il presepe di patate, realizzato con le classi della scuola elementare che partecipano al progetto delle mappe di comunità, che appartiene alle usanze locali d’inizio Novecento. A quel tempo i bambini non potevano nemmeno pensare ai regali e agli addobbi, ma sapevano costruirsi uno straordinario presepe utilizzando un alimento povero come patate, con la natività posta al riparo di una corteccia e sorvegliata attentamente dal “ante e dal cavallo di spade e di bastone, le figure armate del mazzo di carte da briscola.
Nella cantina seminterrata è allestito il presepe di tappi e si possono poi ammirare il presepe dell’orto, del bosco, del cestaio, del falegname, del fabbro, della sartoria e tantissimi altri dalle dimensioni impensabili: dalla scatola dei cerini fino all’imponente presepe di rottami creato con la fiamma ossidrica. La mostra, che resterà allestita fino al 26 gennaio, è visitabile a richiesta anche da gruppi di scolaresche.

Martedì 31 dicembre la sala conviviale dell’Ecomuseo ospiterà la Fësta de’ Scartòz, un trebbo per la notte di San Silvestro per trascorrere assieme l'attesa dell’anno nuovo. Ognuno porterà un piatto da condividere con gli altri, il cibo sarà accompagnato dai vini del territorio e una simpatica animazione per adulti e bambini. Infine, il 6 gennaio, dalle 14.30 in poi, ci si trasferirà in piazza della Libertà a Bagnacavallo, dove la Befana e i suoi aiutanti accoglieranno i bambini nella Fabbrica naturale felice, piena di giocattoli di legno e di giochi dell’ingegno. Ad animare la piazza ci saranno poi il pastore e i suoi animali col carretto tirato dal somarello, i cantastorie, gli zampognari e il grande fuoco con vin brulè e castagne. La sorpresa finale del pomeriggio sarà un piccolo regalo per tutti i bambini consegnato direttamente dalle mani della Befana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

Torna su
RavennaToday è in caricamento