Passato ancestrale e speranze future raccontate nel film "L’ombelico magico"

Proseguono, mercoledì 14 marzo alle ore 21, gli appuntamenti con “Il Cinema della Verità” al Ridotto del Teatro Masini di Faenza. Il secondo documentario della rassegna è L’ombelico magico della regista Laura Cini. Alla proiezione sarà presente Giulia Grassi, protagonista del film, per presentare la pellicola e discuterne con il pubblico.

“Il Cinema della Verità” 2018 è organizzato dal Comune di Faenza e Accademia Perduta/Romagna Teatri con il sostegno di MIC Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza e la collaborazione di Cineclub Il Raggio Verde, Cinemaincentro, Associazione D.E-R Documentaristi Emilia Romagna, Società Cooperativa di Cultura Popolare e Festival Internazionale del Cinema Documentario “Premio Marcellino De Baggis” di Taranto.

L’ingresso è gratuito.

La Versilia ha vissuto una lenta e inesorabile decadenza dal picco glamour degli anni ‘60. Oggi, a causa della crisi, il fulcro della stagione turistica, che fino a qualche anno fa copriva l’estate intera, si è ridotto alle settimane centrali di agosto. Nell’interno, a Montignoso, una striscia di campagna a ridosso delle Alpi Apuane sono ancora evidenti le tracce di una spiritualità profonda, ancestrale, che prende soprattutto la forma delle pratiche della “segnatura” (trattamento e cura, in gergo) del Malocchio e della Paura.

Giulia, una ragazza di 23 anni, lavora in un tipico stabilimento balneare della zona. Giulia è una ragaz­za normale che magari eccede nei divertimenti e nelle distrazioni notturne, ma che è anche alla ricerca di qualcos’altro che dia un senso alla sua vita. In una sorta di bulimia spirituale da cui è stata presa negli ultimi anni, ha abbandonato il liceo prima di prendere il diploma e si è messa a studiare per diventare una guaritrice della comunità essena, una setta antica; pratica yoga ogni mattina sulla spiaggia, sogna di aprire un centro benessere e vive sotto l’influenza della madre, donna intelligente e un po’ nevrotica, molto probabilmente ispiratrice della ricerca spirituale della figlia. Quando Giulia scopre che Edda non ha nessuno a cui tramandare “l’arte magica”, si fa timidamente avanti.
Attraverso questa piccola storia di provincia L’ombelico magico racconta in chiave intima e visionaria, ma anche ironica, gli anni che stiamo vivendo, riflettendo sul rapporto con il nostro passato ancestrale in un momento storico segnato dal bisogno di speranza ma anche dalla paura di un futuro che appare sempre più oscuro.

Info: 0546 21306 – www.accademiaperduta.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Dall’antica Ficocle al boom turistico: tre tappe per conoscere la storia di Cervia

    • da domani
    • Gratis
    • dal 12 al 26 aprile 2021
    • online
  • Risplendono le “Gemmae lucis”: le opere in mosaico di Marco De Luca

    • Gratis
    • dal 5 al 25 aprile 2021
    • Galleria Pallavicini 22
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento