"Prima di tombare piazza Kennedy si facciano almeno dei carotaggi"

"Non si seppellisca anche la conoscenza archeologica della nostra storia"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

"In questo gioco tutto muscolare fra l'assessore ai lavori pubblici ed il resto della città per risolvere elettoralmente la pratica della piazza "archeologica" Kennedy seppellendola tal quale o quasi, molti si sono arresi alla strafottenza del regime, politico e "tecnico" in comunella. Non Lista per Ravenna, che intende mantenersi vigile, sperando che resti ancora un poco di buon senso a cui appellarsi. L'occasione unica, che qualsiasi città del mondo civile perseguirebbe con entusiasmo, di ricercare archeologicamente la Ravenna preromana, è situata esattamente nella linea che collega i ritrovamenti del V secolo avanti Cristo di via C. Morigia (palificate di legno preromane - da pozzo) con quelli di due secoli dopo in piazza Arcivescovado (mura romane - da scavi): ritrovamenti che furono effettuati, tra mille ostacoli, sulla base di scavi al di sotto dei 6,50 metri, alla quota dunale. Nel caso attuale non siamo, invece, in condizioni di ricerca difficile, ma di ampio spazio all'aperto, indisturbato da edifici postumi: le condizioni eccezionali e uniche che un sito archeologico possa desiderare ovunque ed in specifico a Ravenna.

Esattamente al centro della linea di cui sopra, la Soprintendenza, dopo aver scavato ad appena meno 3,50 metri, ha dichiarato, al contrario, con la massima seriosità e nel generale silenzio, che non vi è nulla da scoprire. Quasi si discutesse di Roma-Lazio al bar Sport, l'archeologa che ha seguito i lavori ha dichiarato che "a Ravenna abbiamo la fortuna di avere ancora tutte le chiese bizantine in piedi" (vuol forse dire che la Soprintendenza non ci ha messo mano?) "perché dovremmo valorizzare un buco?". Peccato che, sulla fine degli anni '90, a 50 metri di distanza, gli studi su piazza Arcivescovado siano stati finanziati sulla base di "Programmi di Ricerca Scientifica di Rilevante Interesse Nazionale" del CNR (Consiglio Nazionale della Ricerche) e Murst (Progetto Carta Archeologica d'Italia). Nessuno ha obiettato a tanta bestemmia archeologica dell'archeologa di turno. L' offerta ampia e variegata e la novità continua dei ritrovamenti archeologici sarebbero vita, risorsa benedetta, per qualsiasi città che fondi la propria economia turistica sul patrimonio storico. Tra l'altro, poco o nulla si sa del periodo preromano a Ravenna.

Noi chiediamo, quanto meno, che prima di qualunque tombamento di qualsiasi "buco", siano effettuati perlomeno alcuni carotaggi archeologici, il minimo che si sarebbe dovuto fare prima di qualsiasi ristrutturazione della piazza. Eseguiti a secco, allo scopo di conservare i caratteri dei suoli campionati in continuo nella perforazione, devono essere realizzati in punti precisi individuati tramite esplorazioni indirette (prospezioni geofisiche, geoelettriche, radar, elettromagnetiche e magnetiche). L'interpretazione degli orizzonti di suolo attraversati consente di stimare gli spessori degli strati archeologici, verificare la presenza di strutture sepolte, ricostruire - mediante analisi specialistiche su campioni di suolo - i paleo-ambienti e i rapporti con le frequentazioni umane e gli aspetti antropologici. Non si può, non si è mai visto, ad un mese dalle elezioni, condizionare il nuovo governo cittadino, di qualunque partito o coalizione esso sia, agli interessi elettorali di quello uscente. Il futuro della città non può essere seppellito dalle convenienze meschine di chi, alla buonora, sta per lasciare il campo. Non si può lasciare a chi arriva il fatto compiuto e irreversibile. Fate quel che volete della piazza, il più presto possibile. Ma i carotaggi non potete negarli. Significa seppellire anche la conoscenza di un grande passato. I barbari non farebbero peggio".

Alvaro Ancisi, capogruppo Lista per Ravenna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento