Ravenna Jazz: Take 6 in concerto e Pradella all'aperitivo musicale

Ravenna Jazz 2016, per la sua seconda serata al Teatro Alighieri (sabato 7 maggio alle ore 21), si affida ai Take 6: un ensemble vocale in cui classe, raffinatezza ed eleganza esecutiva sono poste al servizio della più emozionante black music, a cavallo tra gospel e R&B. Le voci di Joey Kibble, Mark Kibble, Alvin Chea, Claude McKnight, David Thomas e Khristian Dentley sono da quasi trent'anni all'apice del successo grazie alla loro ricchezza timbrica e al vivido senso del ritmo. Biglietti: intero da 25 a 15 euro; ridotto da 22 a 12.

Viene dalla tradizione soul anche la musica del cantante e chitarrista Moris Pradella, che si esibirà alla Pasticceria Ferrari alle ore 18:30 per un nuovo concerto Aperitif (a ingresso gratuito).

In giornata ci si potrà inoltre imbattere nei Funk Off. In attesa del loro concerto al Teatro Alighieri dell'8 maggio, la marching band effettuerà tre street parades per il centro cittadino, tutte con partenza da Piazza del Popolo: alle ore 12, alle 16 e alle 19:45.

I Take 6 sono campioni di un genere molto radicato nella cultura musicale statunitense, l'ensemble vocale crossover: partiti dal gospel, sono poi approdati al doo wop, al jazz e l'R&B.

L'avventura dei Take 6 inizia nel 1980 all'Oakwood College di Huntsville in Alabama, come formazione amatoriale, dapprima sotto il nome di The Gentlemen's Estates e poi di Alliance. Per anni il gruppo, soggetto a continui cambi di formazione in base all'andirivieni degli studenti, si è esibito nelle chiese locali e all'interno del campus.

Il coro mutò il nome in Take 6 nel 1987, quando fu messo sotto contratto dalla Warner Bros. Il primo disco uscì nel 1988: Take 6 volò nelle top ten, vinse due Grammy e fu disco di platino. In una scena musicale in cui non mancavano certo formazioni di questo tipo, i Take 6 furono subito capaci di salire alla ribalta per la ricchezza armonica del loro impasto vocale e lo spumeggiante senso del ritmo. Attirarono anche l'attenzione di star come Quincy Jones, Ella Fitzgerald, Al Jarreau e Stevie Wonder, che vollero esibirsi con loro.

Per un breve periodo, a partire dal loro terzo disco, i Take 6 aggiunsero della strumentazione alla loro musica, per poi ritornare al formato del puro coro a cappella. A questo recupero delle origini appartiene l'album The Standard (2008), col quale i Take 6 per la prima volta si dedicarono a un repertorio decisamente jazz.

Moris Pradella ha studiato pianoforte in conservatorio ma, 'folgorato' da Jimi Hendrix, si è imposto soprattutto come cantante e chitarrista. Lo hanno particolarmente messo in luce le recenti collaborazioni con Mario Biondi (come corista) e coi Quintorigo (per i quali è stato voce solista proprio nel progetto dedicato alle musiche di Hendrix). Ma ha lavorato anche con James Thompson, Silvia Mezzanotte, Ivana Spagna, Adriano Molinari e ha fatto parte della band della trasmissione di Rai Uno Domenica in... 7 giorni. Oltre al rock più graffiante ha dimostrato un particolare interesse per il pop d'alto profilo, come si ascolta nel suo mini album d'esordio.

Informazioni
0544 405666
e-mail: ejn@ejn.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • I live della Festa di San Michele: Squadra Omega, Caterina Barbieri e Lorem

    • dal 25 al 28 settembre 2020
    • convento di San Francesco
  • L'ensemble La fonte musica chiude la stagione di "Libera la musica"

    • 29 settembre 2020
    • Teatro Goldoni

I più visti

  • A Cervia appuntamento con il 40esimo "Festival dell'Aquilone": un mese di iniziative

    • Gratis
    • dal 3 settembre al 4 ottobre 2020
    • spiaggia libera di Cervia
  • Mei 2020: i live di Piero Pelù, Tosca, Ernia, Omar Pedrini e l'omaggio a Titta

    • Gratis
    • dal 2 al 4 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Antiquariato, benessere e affari privati, weekend di appuntamenti alla Fiera di Faenza

    • dal 13 al 27 settembre 2020
    • Fiera di Faenza
  • “Dante e la scienza”, la mostra del liceo classico dedicata al Sommo Poeta

    • Gratis
    • dal 17 settembre al 3 ottobre 2020
    • Liceo Classico Dante Alighieri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RavennaToday è in caricamento