rotate-mobile
Giovedì, 28 Settembre 2023
Eventi

Dodici appuntamenti: svelata la nuova stagione di "Ravenna Musica"

“Nonostante i forti tagli subiti e un budget sempre più ristretto - ha proseguito il presidente Alfieri – il direttore artistico Ottilia Zaccari è riuscita a disegnare una nuova edizione di “Ravenna Musica”, in programma al Teatro Alighieri dal 28 gennaio al 28 aprile, ancora una volta ricca e variegata"

L’Associazione Musicale Angelo Mariani torna a proporre “Ravenna Musica” mantenendo intatta la qualità che la contraddistingue e offrendo i consueti 12 appuntamenti. “Nonostante le attuali difficoltà economiche - ha sottolineato il presidente Ernesto Giuseppe Alfieri dando inizio alla presentazione, preceduta da un minuto di silenzio per ricordare la tragica scomparsa dell’assessore Enrico Liverani - l’Associazione Mariani è riuscita a predisporre la sua stagione principale, mantenendone intatti i tratti distintivi, ossia l’ottima qualità dei musicisti e i tradizionali 12 appuntamenti.” “Nonostante i forti tagli subiti e un budget sempre più ristretto - ha proseguito il presidente Alfieri – il direttore artistico Ottilia Zaccari è riuscita a disegnare una nuova edizione di “Ravenna Musica”, in programma al Teatro Alighieri dal 28 gennaio al 28 aprile, ancora una volta ricca e variegata, con importanti compagini sia sinfoniche che da camera, e alcuni dei solisti più acclamati del momento, il tutto reso ancor più accattivante da una scelta accurata dei programmi".

Zaccari ha sottolineato come la scelta di “Ravenna Musica 2016” di privilegiare in particolar modo le realtà musicali italiane, orchestre e solisti, sia apparsa vincente, sia per il loro valore artistico indiscutibile, sia per la riduzione delle spese organizzative che questa scelta comporta. Il cartellone darà infatti spazio ad alcune delle più rinomate orchestre italiane, come l’Orchestra Sinfonica Rossini che aprirà la stagione guidata dal suo direttore principale Daniele Agiman con un programma tutto dedicato alle Sinfonie Operistiche di Rossini, l’Orchestra di Padova e del Veneto che andrà in scena il 14 marzo sotto la bacchetta del suo direttore musicale e artistico Marco Angius e la partecipazione del mezzosoprano Cristina Zavalloni, e la Filarmonica Marchigiana, una delle tredici orchestre riconosciute dal Ministero dei Beni Culturali, che il 22 aprile diretta da David Crescenzi, affiancherà il violoncellista Alberto Casadei, vincitore del concorso internazionale London Grand Prize.

Il 13 febbraio sarà la volta dell’Orchestra Leonore, che riunisce sotto la direzione di Daniele Giorgi, musicisti provenienti da ogni parte d’Europa che hanno fatto parte di orchestre come la Lucerne Festival Orchestra, i Berliner Philharmoniker, la Mahler Chamber Orchestra. Affronterà un programma, tutto dedicato a Schumann, tra cui il Concerto per violoncello e orchestra, con la parte di solista affidata ad Alban Gerhardt,  tra i più affermati violoncellisti del nostro tempo. Saranno ospiti inoltre alcuni celebri ensemble e complessi da camera come il 22 febbraio l’Europa Galante, gruppo acclamato in tutto il mondo per le sue interpretazioni del grande repertorio barocco e classico su strumenti d’epoca, e il 23 marzo il Salzburg Chamber Soloists, che mette insieme i migliori allievi del Mozarteum con musicisti dalla carriera internazionale già consolidata. 

Impreziosiscono il cartellone due recital pianistici tenuti da due autentici fuoriclasse del pianismo internazionale, Federico Colli che il 18 febbraio proporrà un ampio programma da Bach a Franck attraverso Schumann e Brahms, e l’argentino Nelson Goerner che il 29 febbraio sarà lo straordinario interprete di celebri pagine di Chopin e Debussy. Di altrettanto richiamo l’appuntamento del 2 marzo, con un nome che suscita immediatamente l’emozione del pubblico, il violinista greco Leonidas Kavakos, artista di raro talento, dal virtuosismo e musicalità ineguagliabili, che suonerà in duo con uno dei suoi partner più celebri e talentuosi, il pianista riminese Enrico Pace, vincitore del Concorso Liszt di Utrecht. 

Altri due gruppi cameristici saranno ospiti della stagione. Il 17 marzo il trio formato da Patrizio Serino, primo violoncello del Maggio Musicale Fiorentino, da Anton Dressler, clarinettista apprezzato dalla critica per l’“intonazione superba, morbidezza e varietà nel fraseggio”, e da Boris Petrushansky, celebre pianista e didatta, mentre il 14 aprile uno dei più rinomati e storici quartetti d’archi italiani, sulla scena internazionale da oltre 30 anni, il Quartetto di Venezia. A chiudere il cartellone spetterà al celebre violinista Uto Ughi, che insieme alla  formazione con cui collabora da più di 40 anni I Filarmonici di Roma, darà prova del suo leggendario virtuosismo interpretando il “Trillo del Diavolo” di Tartini e il Concerto per violino e orchestra n. 1 op. 6 di Paganini. Rinnovo abbonamenti fino a lunedì 7 dicembre. Nuovi abbonamenti dal 12 dicembre al 28 gennaio alla Biglietteria Teatro Alighieri, www.teatroalighieri.org, Iat di Ravenna 0544.482838/ 0544.451539, Iat di Cervia 0544.974400. Prevendita biglietti dal 4 gennaio anche presso la Cassa di Risparmio di Ravenna. Per info: 0544 39837; 0544 249244.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dodici appuntamenti: svelata la nuova stagione di "Ravenna Musica"

RavennaToday è in caricamento