menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ravenna cammina fra terra e acqua: passato e presente in Darsena nelle Giornate Fai

Dai magazzini per cereali al Moro di Venezia in un itinerario tra storia e contemporaneità che incontra le opere di street art e un progetto di riqualificazione ancora in atto

Arriva l'appuntamento con le Giornate Fai d'Autunno che, sabato 13 e domenica 14 ottobre portano i cittadini ravennati a riconsiderare il proprio rapporto con l'acqua. Sarà infatti la Darsena il luogo d'incontro e di scoperta di questo nuovo evento Fai dedicato alle bellezze poco conosciute e inaccessibili del nostro Paese.

La Darsena non costituisce un itinerario casuale: infatti quest'anno, in accordo con la campagna #salvalacqua promossa dal Fai, molti percorsi avranno come fil rouge l'acqua. Perciò tra i luoghi visitabili di questo weekend in tutta Italia compaiono mulini, dighe, acquedotti e cisterne.

L'iniziativa sulla Darsena nasce dai giovani del Fai (che contano oltre 20 collaboratori nel gruppo ravennate) che intendono indagare il difficile rapporto che da sempre contraddistingue la città, divisa fra acqua e terra. Fiumi, canali, mare, sabbia, pialassa, tutti elementi che contribuiscono a rendere unica Ravenna e che al tempo stesso ne determinano storiche difficoltà. Ma "il porto di Ravenna - testimonia la delegazione Fai cittadina - fin dalle sue origini è entrata nell'essenza di Ravenna".

L'itinerario del 13 e 14 ottobre parte nel lato sinistro della Darsena, dai Magazzini Silos Granai, eretti negli anni '20, e fa poi raggiunge il Moro di Venezia, tappa storica della recente storia della città. Proseguendo il percorso sul lato opposto, si entra nella quotidianità della Darsena, permeate da grandi opere di street art e di progetti di riqualificazione in continuo movimento.
Incontri, dialoghi e mostre si tengono, inoltre, negli spazi del Mag, dell'Almagià e di Darsena Pop Up.

I percorsi guidati, a cura dei giovani ciceroni degli istituti ravennati, si svolgono sabato dalle 14 alle 18 (ultima partenza alle 16) e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 (ultima partenza alle 16).

All'accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo, preferibilmente da 2 a 5 euro, a sostegno delle attività del Fai.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento