Ripartono con tanti incontri online "AperiTrisi letterari"

Per tutto il mese di settembre nuovi appuntamenti con gli autori: Elena Lolli, Giuseppe Bellosi, Giorgio Pirazzini, Enzo Venturini e Giorgio Martini

A settembre riprendono gli appuntamenti online degli AperiTrisi letterari, organizzati dalla biblioteca “Fabrizio Trisi” di Lugo nell’ambito del progetto nazionale “Il maggio dei libri”, prorogato eccezionalmente fino al 31 ottobre. Diversi autori presenteranno i loro libri in un video che sarà pubblicato ogni mercoledì alle 17.30 sulla pagina Facebook della biblioteca e in seguito sul canale YouTube.

Il primo incontro in programma sarà un appuntamento speciale, l’unico a non tenersi di mercoledì, ma domenica 6 settembre, in occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica, iniziativa a cui la biblioteca Trisi aderisce da numerosi anni, organizzando eventi, mostre e altre attività per riscoprire e valorizzare l’antica Comunità ebraica di Lugo. In questa giornata Elena Lolli, lughese, presenterà Il libro dei morti della Comunità Ebraica di Lugo di Romagna per gli anni 1658-1825 (Giuntina). L’autrice ha conseguito il dottorato in Studi ebraici all’Università di Bologna in co-tutela con l’École Pratique des Hautes Études di Parigi. Fa parte del gruppo di ricerca europeo “Books Within Books” per lo studio dei manoscritti ebraici medievali riusati come legature e del progetto franco-israeliano “Tikkoun Sofrim” che ha l’obiettivo di rendere i manoscritti ebraici medievali fruibili e disponibili online. Le sue ricerche si concentrano in particolare sull’ebraismo lughese e su questo argomento ha pubblicato numerosi studi.

Si ritorna agli appuntamenti del mercoledì il 9 settembre con Giuseppe Bellosi che presenta Dante in Romagna: mito, leggende, aneddoti, tradizioni popolari e letteratura dialettale (Il Ponte Vecchio). Il libro è stato scritto in occasione del settimo centenario dantesco in collaborazione con Eraldo Baldini e con un contributo di Dante Bolognesi. Giuseppe Bellosi risiede a Maiano di Fusignano; ex bibliotecario, si occupa da sempre della documentazione e dello studio dei dialetti, della letteratura dialettale e delle tradizioni popolari della Romagna, alla cui conoscenza ha contribuito con ricerche sul campo in tutto il territorio romagnolo e attraverso numerosi articoli e libri. All’attività di ricercatore ha affiancato la composizione di versi in dialetto romagnolo pubblicati in diverse raccolte. Da anni si esibisce in pubblico, da solo o in collaborazione con altri artisti, presentando testi propri o di altri autori romagnoli, classici o contemporanei.

Mercoledì 16 settembre è poi il turno del lughese Giorgio Pirazzini che presenterà il suo ultimo libro I grandi viaggiatori che hanno cambiato la storia del mondo (Newton Compton). L’autore ha studiato Comunicazione e ne ha fatto il suo lavoro, spostandosi tra l’Italia, Lisbona e Londra. Dal 2007 vive a Parigi. Ha pubblicato racconti e romanzi tra cui Gattoterapia (Baldini&Castoldi, 2016), I cattivi pensieri (Las Vegas, 2013) e La notte raccolgo fiori di carne (Las Vegas, 2011).

Enzo Venturini sarà ospite il 23 settembre con il suo libro Quarantatré secondi (StreetLib). La presentazione è in programma a distanza di pochi giorni dalla Giornata internazionale dell’Alzheimer, prevista per il 21 settembre: nel romanzo si ritrovano tematiche legate al “morbo dell’Alzheimer che ‘ruba’ pian piano la vita...”. L’autore, faentino di nascita, risiede a Sant’Agata sul Santerno. Si è laureato in ingegneria gestionale all’Università di Bologna e da numerosi anni lavora a Imola presso Hera Trading nel business del gas naturale. Ha vari hobby e interessi, tra i quali la scrittura, il calcio e la pesca. Ha scritto diverse poesie, alcune delle quali hanno avuto riconoscimenti in concorsi nazionali; è autore del romanzo Il misterioso libro del nonno sulla pesca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, il 30 settembre Giorgio Martini presenta Benedetto Dal Buono 1711-1775 (Il Nuovo Diario Messaggero), uno studio di ricerca sul pittore lughese. Nato a Ravenna nel 1993, Martini risiede a Lugo. Si è laureato prima al Dams e successivamente in Arti Visive presso la Facoltà di Lettere e Beni Culturali dell’Università di Bologna. Amante della storia e dell’arte della Romagna, fa parte del consiglio direttivo dell’associazione culturale Storia e Memoria della Bassa Romagna, collabora con la sezione del Fai e dal 2019 ha iniziato una collaborazione con i Musei Parrocchiali di Bagnara di Romagna. Il volume sul pittore lughese Benedetto Dal Buono è il suo primo libro pubblicato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento