Aperte le adesioni ad artisti e artigiani che vogliano partecipare alla Sagra delle Erbe Palustri

La sagra, organizzata dall'associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri e dal Comune di Bagnacavallo, rappresenta un'opportunità unica per apprezzare la sapienza delle mani degli artigiani villanovesi

Sono aperte le adesioni ad artisti e artigiani che vogliano partecipare alla trentaduesima edizione della Sagra delle Erbe Palustri, iniziativa che ogni anno rievoca le antiche arti dell'utilizzo delle erbe di valle e del legno nostrano e che si terrà da venerdì 9 a lunedì 12 settembre a Villanova di Bagnacavallo. Artisti e artigiani, che per questo evento sono ospiti a titolo gratuito, possono prenotare al più presto gli spazi espositivi a loro riservati.

La sagra, organizzata dall'associazione culturale Civiltà delle Erbe Palustri e dal Comune di Bagnacavallo, rappresenta un'opportunità unica per apprezzare la sapienza delle mani degli artigiani villanovesi del “Cantiere Aperto” e degli intrecciatori provenienti da varie zone d’Italia e dalla Spagna. Accanto ai laboratori dimostrativi di intreccio sarà possibile osservare gli antichi mestieri rurali e le vecchie botteghe artigiane. Nel frattempo è già stato definito il programma della manifestazione, che si aprirà venerdì 9 settembre con l’inaugurazione, alle 19, delle mostre allestite presso il Palazzone.

A partire dal pomeriggio di sabato 10 e per tutta la giornata di domenica 11 il centro del paese ospiterà le bancarelle del grande mercatino del riuso La soffitta in piazza e domenica anche il mercatino delle pulci, dedicato ai bambini. Le vie, le piazze e il parco saranno animati da artisti di strada, dai burattini tradizionali del Teatro dell'Aglio e del Teatro La Garisenda, dall'energia dei Musicanti di San Crispino e dai balli nobiliari del Gruppo Risorgimentale Città di Lendinara. Nella giornata di domenica, per i più piccoli, sarà presente il maneggio con i pony del Centro Turismo Equestre La Torre.

Durante la sagra ci sarà spazio anche per lo sport, con il torneo misto Padelle da tennis in programma venerdì 9 al Tennis Club di Villanova, mentre sabato 10 sarà la volta del tradizionale Torneo di Zachègn e della seguitissima Podistica delle Erbe Palustri; domenica 11 le allieve del Progetto Ritmica Romagna presenteranno la loro esibizione "Da grande voglio essere… un bambino". Numerose saranno le mostre allestite per l'occasione: Dalla Guerra alla Pace quotidiana, esposizione di raro materiale bellico inerte della Prima Guerra Mondiale riutilizzato e trasformato a scopo civile, affiancata da una ricca collezione di giornali, periodici e documenti d'epoca, a cura di Roberto Zalambani, Bruno Zama, Gian Paolo Costa e Associazione Traversara in Fiore; La voce dell'anima e Sogni fra i rottami con le originali sculture degli artisti Eleonora Ronconi e Renato Mancini; Dall'erba palustre alla spatola con i dipinti del pittore Mauro Petrini; Il paesaggio del cuore, primi tentativi artistici degli alunni della classe III elementare di Villanova.

Non mancheranno gli spettacoli serali: balli e canti di Romagna dei Canterini Romagnoli F.B. Pratella e intermezzi con le barzellette di Tiziano Gatta (venerdì 9); poesie e farse dialettali con La Cumpagnì dla Zercia e il loro Zibaldon Rumagnôl (sabato 10); concerto di Daniela e Leonardo Vallicelli con un repertorio che spazierà dalla musica italiana e internazionale alle romanze e canzoni napoletane (domenica 11); commedia dialettale In t'una quica manira a farè del gruppo La Compagine di San Tomè (lunedì 12).

Come sempre sarà possibile assaggiare la cucina delle azdóre presso la sala conviviale dell'Ecomuseo, dove sarà allestita la Locanda dell'allegra mutanda che proporrà l'immancabile binomio strozzapreti e strozzasindaci, taglieri e secondi a base di carne e dolci caserecci.
Nella serata di venerdì 9 settembre si terrà PerBacco che cena! con menu in abbinamento ai vini del Consorzio Il Bagnacavallo (posti limitati, prenotazione obbligatoria tel. 0545 47122). Nelle giornate di sabato e domenica non mancheranno le varie specialità offerte dai numerosi ristori del paese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per salutare la sagra, martedì 13 settembre, sempre all'Ecomuseo, ci sarà la cena a tema La cucina delle valli con un menu ad hoc realizzato dallo chef Riccardo Vecchi. La serata è organizzata dalla condotta Slow Food Godo e Bassa Romagna (posti limitati, prenotazione obbligatoria: 347 4524084 – slowfoodgodo@gmail.com). Durante la manifestazione l'ingresso a mostre, Ecomuseo e spettacoli sarà a offerta libera. L’Ecomuseo delle Erbe Palustri è in via Ungaretti 1. Il programma completo è disponibile sul sito www.ecomuseoerbepalustri.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto all'incrocio: Adriatica chiusa per ore, traffico in tilt

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Dopo 56 anni e 3 generazioni chiude lo storico supermercato: "A quell'epoca in paese c'erano 4 negozi"

  • Scoppia un incendio nella notte: evacuati i residenti di tre condomini

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento