Svelata la nuova stagione del Teatro Rossini di Lugo: "Un cartellone di qualità e ambizioso"

Il sindaco di Lugo, Davide Ranalli, presenta così la stagione 2018-2019 del Teatro Rossini di Lugo

"Abbiamo costruito una programmazione di qualità e la grande partecipazione di pubblico ci conforta". Il sindaco di Lugo, Davide Ranalli, presenta così la stagione 2018-2019 del Teatro Rossini di Lugo. "Usciamo - spiega il primo cittadino - da un cartellone di prosa che ha avuto uno straordinario successo, quindi dopo aver vinto la scommessa dello scorso anno abbiamo composto un nuovo cartellone ancora più ambizioso. A questo si aggiungono anche il programma della stagione concertistica, aperta dalla Filarmonica Arturo Toscanini, e la danza, che ha raccolto una buonissima presenza di pubblico. Con questa passione che stiamo mettendo in campo credo che dovremo provare a riportare anche un maggiore impegno delle aziende. Voglio inoltre ringraziare il nuovo cda della Fondazione, composto da persone che hanno a cuore la cultura della nostra città e gli interessi del nostro straordinario teatro”.

“Ci tengo a ringraziare il Teatro Rossini per aver accettato di accogliere nei suoi spazi gli eventi di tante associazioni, in conseguenza del nuovo regolamento che la giunta del Comune di Lugo ha voluto per una maggiore collaborazione tra le associazioni culturali e del volontariato e il teatro, il nostro gioiello - aggiunge l'assessore alla cultura Anna Giulia Gallegati -. Si tratta di una forte collaborazione che certamente ha messo in difficoltà l’organizzazione del Teatro, che ringrazio ancora una volta”. "La proposta di prosa di quest’anno suggerisce e introduce produzioni più vicine alla contemporaneità senza rinunciare al classico - spiega il vice presidente della Fondazione Teatro Rossi, Domenico Randi -. Abbiamo infatti riservato all’apertura ‘Filumena Marturano’ di Edoardo de Filippo con la regia di Liliana Cavani. Per quanto riguarda la stagione concertistica vorrei sottolineare che abbiamo rinunciato all’estemporaneità concentrandoci sulla modalità di lavoro per progetti anche sollecitati da Purtimiro. Inoltre, non poteva mancare uno spazio dedicato a Gioachino Rossini nell’anno Rossiniano”.

La stagione di prosa inizia il 23, 24 e 25 novembre con "Filumena Marturano" interpretato da Mariangela D’Abbraccio, Geppy Gleijeses dei "Gitiess - Artisti Riuniti". Seguirà il 14, 15 e 16 dicembre "Dieci piccoli indiani...e non rimase nessuno" della Ginevra Media Production, con Ivana Monti, Luciano Virgilio e Carlo Simoni. Dal 10 al 13 gennaio sarà di scena "Sorelle Materassi" con Lucia Poli, Milena Vukotic e con Marilù Prati. Appuntamento dal 14 al 17 febbraio con "Misura per misura" interpretato da Jurij Ferrini, Matteo Alì e Rebecca Rossetti. Dal 29 al 31 marzo il palcoscenico ospiterà "Il vangelo secondo Lorenzo", con Alex Cendron, Giuliana Colzi e Andrea Costagli. "Voci nel buio", con Laura Morante, sarà di scena invece dal 12 al 14 aprile. In occasione degli appuntamenti sono in programma "Gli incontri del Rossini", con conversazioni con attori e registi. Il prezzo degli abbonamenti della stagione oscilleranno tra 60 e 120 euro.

Rossini, Beethoven, Schubert Gershwin, Piazzolla, Bernstein. Questi gli autori capisaldi della nuova stagione concertistica 2018-19, in programma da giovedì 20 dicembrea venerdì 5 aprile. In tutto cinque appuntamenti, di cui quattro sinfonici e un recital pianistico.  Apre le danze giovedì 20 dicembre la Filarmonica Arturo Toscanini di Parma diretta da Daniel Cohen con uno spumeggiante concerto di Natale che propone in apertura cinque fra le più celebri sinfonie da opere rossiniane (La Cenerentola, L'Italiana in Algeri, Il babiere di Siviglia, Il signor Bruschino, Guglielmo Tell) e chiude con una classica miscellanea di valzer viennesi di Johann Strauss Junior, alias Voci di Primavera, Sangue Viennese, Ouverture dal Pipistrello, Trisch-Trasch Polka, Sul bel Danubio blu e Pizzicato Polka.

Sabato 20 gennaio farà il suo debutto sul palco del Teatro Rossini di Lugo l'ormai nota Orchestra Senzaspine di Bologna, un complesso sinfonico fondato dai due amici-direttori Matteo Parmeggiani e Tommaso Ussardi, che in cinque anni di vita concertistica nelle maggiori sale di concerto di Bologna e dell'Emilia Romagna, si è già fatta apprezzare per le sue doti di estrema duttilità e ricchezza di repertorio, con quella particolare filosofia del proprio essere, cioè di proporre programmi molto amati e conosciuti dal pubblico con  naturalezza e senza barriere culturali, in una parola “senza spine”. A Lugo i Senzaspine saranno diretti da una delle migliori bacchette italiane, la bolognese Nicoletta Conti, già allieva di Leonard Bernstein e vincitrice giovanissima nel 1986 del prestigioso Premio Internazionale Nikolai Malko di Copenhagen. In programma per sola orchestra la Serenata di Antonin Dvorak e Crisantemi di Giacomo Puccini, mentre per voce e orchestra si potranno ascoltare il rarissimo poemetto Il Tramonto di Ottorino Respighi, le 7 Canciones Popolares espanolas di Manuel de Falla, la Chanson Perpetuelle op. 37 per voce, orchestra d'archi e pianoforte di Ernest Chausson e la celebre canzone Non di scordar di me di Ernesto De Curtis. Magica interprete di questo raffinato e nel contempo popolare repertorio sarà il mezzosoprano di origine lughese Daniela Pini, apprezzatissima alla seconda edizione del festival barocco “Purtimiro”. 

Si passa poi al venerdì 1 marzo col ritorno al Rossini di Lugo della Wunderkammer Orchestra di Pesaro diretta da Carlo Tenan: si tratta della quarta tappa della “residenza” lughese della giovane compagine pesarese fondata da Carlo Tenan e Paolo Marzocchi, tanto apprezzata nella stagione concertistica scorsa. La quale questa volta propone celebri pagine del repertorio americano appositamente rielaborate per la “camera delle meraviglie”, cioè le nuova “fattura” di Paolo Marzocchi dell'Ouverture “Strike up the band”, di “Rhapsody in blue” e “Un Americano a Parigi” di George Gershwin, delle Quattro Danze da “West Side Story” di Leonard Bernstein e due nuove composizioni in prima esecuzione assoluta di Carlo Tenan e Cristiano Arcelli.  Sabato 23 marzo 2019 recital pianistico interamente dedicato ad Astor Piazzolla, protagonista uno dei migliori interpreti al mondo del verbo piazzolliano, l'argentino Hugo Aisemberg. “Piazzolla secondo Aisemberg” è il titolo della serata, durante il quale il grande pianista di Buenos Aires di origini russo-ebraiche, formato all'Accademia Liszt di Budapest e dal 1971 residente in Italia, offrirà brani originali per pianoforte e sue originali trascrizioni dei massimi capolavori del maestro assoluto del tango argentino. 

Ultimo appuntamento con la Concertistica 2018-19 è anche la quinta apparizione sul palco del Teatro Rossini della Wunderkammer Orchestra, con la terza tappa della prevista esecuzione integrale dei Cinque Concerti di Beethoven con le cadenze scritte su commissione di WKO da cinque diversi compositori contemporanei. Questa volta è in cartellone il Primo Concerto in do maggiore op. 15 di Beethoven, con nuova orchestrazione di Paolo Marzocchi e nuova cadenza concertante di Lorenzo Pagliei. Sul podio ancora il direttore di origine veneta Carlo Tenan, alla tastiera un autentico virtuoso del pianoforte quale il trentatreenne beneventano Vincenzo Maltempo, già allievo di Riccardo Risaliti e vincitore nel 2003 del Premio Venezia del Teatro La Fenice, resosi famoso (soprattutto all'estero) per la registrazione integrale delle difficilissime opere di Charles Valentin Alkan. Il concerto prevede anche la nuove rielaborazioni per WKO dell'Ouverture “Le Ebridi” di Mendelssohn (a cura di Paolo Marzocchi), delle 18 Danze Tedesche di Schubert (ad opera di Carlo Tenan) e del recente brano Kinderszenen, sei poemetti sinfonici per ensemble del pesarese Paolo Marzocchi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in azienda: precipita dal tetto e muore dopo un volo di otto metri

  • Si allena con la bici per l'Ironman, ma in autostrada: caos sull'A14

  • Camion resta bloccato sul ponte: "Pericolosissimo, si aspetta che crolli?"

  • Scoppia un incendio nell'azienda di pallet: alta colonna di fumo nero in cielo

  • Escort e over 45, trasgressione senza età: il lato piccante di Ravenna

  • Sbanda con l'auto e finisce contro la colonnina del metano: Vigili del fuoco al lavoro

Torna su
RavennaToday è in caricamento