Il Teatro dell’Elfo in scena con "L’importanza di chiamarsi Ernesto"

  • Dove
    Teatro Masini
    Indirizzo non disponibile
    Faenza
  • Quando
    Dal 22/03/2019 al 24/03/2019
    21.00
  • Prezzo
    da 14 a 25 euro
  • Altre Informazioni

La storica formazione milanese Teatro dell’Elfo arriva al Teatro Masini di Faenza con L’importanza di chiamarsi Ernesto di Oscar Wilde. 
La “commedia frivola per gente seria” andrà in scena da venerdì 22 a domenica 24 marzo alle ore 21. 
Regia, scene e costumi sono di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia, mentre sul palco saliranno: Elena Ghiaurov, Elena Russo Arman e Matteo De Mojana, assieme a Nicola Stravalaci, Giuseppe Lanino, Riccardo Buffonini, Cinzia Spanò e Camilla Violante Scheller.
L’allestimento dell’Elfo ha scelto di presentare il nome del titolo barrato per evidenziare la virtuale impossibilità di una corretta traduzione dell’originale The Importance of Being Ernest; i traduttori ci hanno provato con Ernesto, Franco, Onesto, Probo senza mai risultare convincenti. E già nel titolo, quindi, si riscontra il tratto distintivo del lavoro, un’ironia caustica e brillante che svela la falsa coscienza di una società che mette il denaro e una rigidissima divisione in classi al centro della propria morale.

Gli interpreti della pièce saranno protagonisti del consueto Incontro con gli Artisti che si terrà sabato 23 marzo alle ore 18 presso il Ridotto del Teatro Masini (l’ingresso all’incontro è gratuito).

L’indagine attorno alla vita e alle opere di Oscar Wilde che Ferdinando Bruni e Francesco Frongia conducono da alcuni anni li ha portati nel 2017 ad affrontare la più famosa commedia del grande autore irlandese. Dopo Salomé, Il fantasma di Canterville e Atti osceni–I tre processi di Oscar Wilde, L’importanza di chiamarsi Ernesto ha regalato ai due registi e alla compagnia un nuovo successo.

Biglietti: da 14 a 25 € + ddp. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • La Festa della Donna si celebra con una primula

    • 8 marzo 2021
    • Centro Commerciale Le Cicogne
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento