rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Eventi Faenza

Teatro Ragazzi nella Molinella: una magica estate da favola

Da lunedì 4 luglio tornano gli appuntamenti con Teatro Ragazzi nella Molinella, sette spettacoli magici, fantasiosi, giocosi e divertenti sotto al cielo stellato di Faenza

L’estate 2016 del TEATRO MASINI sarà espressamente dedicata ai giovani e alle famiglie e porterà, sotto al cielo stellato del “salotto” di Piazza della Molinella, ben sette appuntamenti, programmati tra lunedì 4 luglio e lunedì 1 agosto, scelti tra le migliori produzioni nazionali del teatro ragazzi e contraddistinti da elementi di grande fascino, magia e fantasia.

Il teatro ragazzi, oggi, rappresenta una delle più popolari e universalmente accessibili forme di arte contemporanea di straordinario spessore culturale e sociale.

La sua valenza pedagogico-educativa non ha eguali per quanto concerne la formazione del gusto e del senso estetico, lo sviluppo dello spirito critico e della curiosità; elementi fondamentali per affinare una propria individualità in contrapposizione all’omologazione insita in altre forme di intrattenimento quali quello televisivo e quello offerto da internet e social media, caratterizzati oltretutto da una fruizione solitaria e passiva.

Il teatro ragazzi, inoltre, rappresenta una delle sempre più rare opportunità per le famiglie di uscire di casa, trascorrere costruttivamente del tempo insieme, coinvolgendo ed emozionando in modo trasversale e senza limiti d’età ogni componente del nucleo stesso.

Il Teatro Masini di Faenza, nella sua ininterrotta programmazione di teatro ragazzi durante tutto l’anno (oltre agli appuntamenti estivi, le rassegne di teatro per le Scuole nelle matinée feriali e di “Favole” nelle domeniche pomeriggio invernali), rappresenta forse un caso unico in tutta Italia e la numerosa partecipazione ad ogni appuntamento proposto, dimostra l’affezione e il gradimento del giovane pubblico e delle loro famiglie.

Per quanto riguarda l’edizione 2016, il “Teatro Ragazzi nella Molinella” sarà integrato, nella sua prima giornata di lunedì 4 luglio, con il Festival “Colpi di Scena”, vetrina delle migliori produzioni di teatro per le giovani generazioni dell’Emilia-Romagna, che vedrà la partecipazione di numerosi Direttori Teatrali italiani ed europei che giungeranno a Faenza per assistere e importare nei loro prestigiosi Teatri gli spettacoli e, di conseguenza, la ricchezza e la creatività del teatro ragazzi della nostra regione, già riconosciuto come uno dei migliori a livello europeo.

Alcune immagini degli spettacoli in programma

PROGRAMMA

Lunedì 4 luglio 2016 - ore 18.15
c/o Teatro Masini, nell’ambito del Festival “Colpi di Scena” 2016
La Baracca
ORLANDO IL FURIOSO
di Gabriele Marchioni ed Enrico Montalbani
con Luciano Cendou, Giada Ciccolini,
Gabriele Marchioni, Enrico Montalbani
regia Gabriele Marchioni
Quello raccontato da Ariosto è un mondo incantato, fatto di incontri, scontri, drammi ed eroiche imprese. Il fantastico e il reale si annodano, si intrecciano e si allontanano creando un labirinto in cui si svolgono le vicende di Orlando e degli altri cavalieri. Un potenziale creativo eccezionale che ben si presta a una messa in scena teatrale, capace di incantare e stupire. Lo spettacolo ripercorre le gesta del poema cercando di suggestionare la fantasia degli spettatori, che dietro le figure eroiche dei personaggi della storia potranno scorgere piccoli frammenti della realtà quotidiana, e riconoscere se stessi nelle forti personalità dei protagonisti.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (tel. 0546 21306), tutti i giorni feriali dal 22/06 dalle ore 10 alle ore 13. c/o Piazza Nenni/Molinella, nell’ambito del Festival “Colpi di Scena” 2016

Lunedì 4 luglio 2016 - ore 21.15
Residenza Idra / Rebelot
POLLICINO E L’ORCO
di e con Roberto Capaldo e Walter Marconi
consulenza coreografica di Enrica Fazi
luci e scene di Iro Suraci
Pollicino e l’Orco è un sequel, una commedia brillante e poetica in cui i due leggendari personaggi si rincontrano constatando di essere entrambi diventati più “uomini”, di essere cresciuti. Impegnati in un duello all’ultimo sangue, ritmato da una tensione tragicomica e commovente, i due non si risparmiano nulla: vecchi rancori e nuovi colpi bassi, intime confidenze e rinnovate paure, facendo continuamente i conti con la propria natura e con la cena di cui Pollicino è convinto essere la portata principale. Nella fiaba di Charles Perrault, il bambino piccolo come un pollice, sconfiggendo il “simbolico” nemico, affrontava in realtà le proprie paure e ne usciva arricchito. Era cresciuto. L’orco non poteva più albergare nell’animo “emancipato” di Pollicino ed era costretto a riadattarsi altrove. In questo ipotetico “dopo”, entrambi sono diventati uomini, capaci cioè di provare tutta la gamma di sentimenti umani. Quando Pollicino e l’Orco si rivedono, vivono un vero e proprio caleidoscopio di emozioni. L’idea legata al passato che ognuno ha dell’altro si scontra con la sorpresa di scoprirsi trasformati, ma si accompagna anche al timore che il cambiamento non sia. Tecnica utilizzata: teatro d’attore, ombre
Ingresso: 3 euro (adulti e bambini); gratuito per bambini 0-3 anni.

Lunedì 4 luglio 2016 - ore 22.45
c/o Ridotto del Teatro Masini, nell’ambito del Festival “Colpi di Scena” 2016
Compagnia Durambò
IL BALLO
tratto dall’omonimo romanzo di Irène Némirovskj
drammaturgia di Francesco Niccolini
musiche originali di Mirko Lodedo
con Daria Paoletta
Il Ballo è una storia perfetta: pochi personaggi, disegnati in un lampo e con brevi tratti, eppure perfettamente riconoscibili e un incedere di eventi che precipitano in pochi giorni verso una fine inattesa e tragicomica, stupida, piccola eppure enorme, per le conseguenze sulle persone coinvolte. Una famiglia di arricchiti, provinciali e ignoranti, una moglie che non vuole invecchiare e che sa di potersi finalmente godere la vita. Un marito che pensa solo agli affari e non riesce a porre argine alle volontà smodate e ai dispetti della consorte. Una figlia quattordicenne che sta abbandonando il corpo di ragazzina crisalide per diventare femmina e donna, con tutto il caleidoscopio di sentimenti, desideri e sofferenze della sua età. Intorno un mondo di nemici, secondo la gretta e sprezzante filosofia della padrona di casa: una istitutrice inglese, una maestra di pianoforte, un maggiordomo e una servitù buona solo a rubare pane e stipendio. Tutti insieme vivono l’attesa del grande ballo, una festa danzante che la signora vuole offrire a tutti i nobili della città per affermare lo strapotere della famiglia. Ha pensato a tutto, e tutto trasuda arroganza ed eccessi. Ha trascurato un solo dettaglio: la sua adorata bambina…
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (tel. 0546 21306), tutti i giorni feriali dal 22/06 dalle ore 10 alle ore 13.

Lunedì 11 luglio 2016 - ore 21.15
in collaborazione con Gruppo Baku
ideazione e regia di Simone Guerro e Lucia Palozzi
con Diego Pasquinelli, Fabio Spadoni, Simone Guerro
Piazza Nenni/Molinella
Teatro Pirata
VOGLIO LA LUNA!
Fabio è nella sua cameretta, alle prese con i suoi giochi ma soprattutto con comandi, raccomandazioni e rimproveri della mamma. Non è per niente tranquillo, gli sembra che le cose non vadano mai come lui vorrebbe e di non poter far niente per cambiarle. Finché una notte, come per magia, viene svegliato da un soffio di vento e si accorge che lì, proprio nella sua camera, è venuta a trovarlo la luna! È bellissima, grande, luminosa… giocano insieme e poi lei, così come è arrivata, scompare. Fabio non è mai stato così felice. Decide che vuole averla a tutti i costi e parte per una fantastica avventura alla fine della quale riesce a catturare la luna e a portarla in camera sua. Gli sembra che tutti i suoi problemi siano finiti, solo che Fabio non sa che nel mondo, senza più la luna nel cielo, i problemi sono appena cominciati. Comprenderà allora che non sempre si può avere tutto per sé ciò che appartiene anche agli altri… e con un gesto magico e poetico deciderà di condividere lo splendore della luna con il pubblico dei bambini.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore e di figura
Ingresso: 3 euro (adulti e bambini); gratuito per bambini 0-3 anni.

Lunedì 18 luglio 2016 - ore 21.15
Piazza Nenni/Molinella
Accademia Perduta/Romagna Teatri
MINUETTO D’INVERNO
con Mariolina Coppola e Maurizio Casali
musiche originali Carlo Cialdo Cappelli
SOTTO LA NEVE.
di Marcello Chiarenza
regia di Marcello Chiarenza
Sotto la neve dipinge con allegria ma anche con poesia l’alternanza del caldo e del freddo nel ciclo delle stagioni: l’arrivo - inizialmente spiacevole – del tempo del freddo, con le sue piccole seccature, bisogna coprirsi, stare di più in casa ma ogni stagione ha i suoi divertimenti e le sue allegrie ed infine l’avvento, dolce ed inatteso, della primavera. Il tutto in un gioco buffo e gaio, portato avanti con ironia ma anche con dolcezza da due attori-clown che coinvolgono di volta in volta il pubblico dei piccoli e dei grandi spettatori. Le suggestive ed originali magie sceniche di Marcello Chiarenza rendono il quadro ancora più coinvolgente: piume, fiocchi, palle, manti di neve, magici abiti che si ricoprono di neve o di fiori e molto altro. Elementi da guardare, da immaginare e anche da toccare per i giovani spettatori che si portano nel cuore un piccolo mondo di immagini e di emozioni.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore e d’oggetti
Ingresso: 3 euro (adulti e bambini); gratuito per bambini 0-3 anni.

Lunedì 25 luglio 2016 - ore 21.15
Piazza Nenni/Molinella
Compagnia Stilema - Unoteatro
STRIP, RICORDI D’INFANZIA
di e con Silvano Antonelli
La scena è costituita da reti. Entra uno strano personaggio, vestito in modo spropositato, quasi gonfio d’abiti. È trafelato, come al solito in ritardo. Deve fare una fotografia al pubblico… scatta. Mentre attende che la foto si sviluppi, annota i nomi dei presenti. L’impacciata ricerca di una penna stilografica, (la sua non scrive), comporta la rovinosa caduta di un mucchio di fotografie fatte nel passato che iniziano a interloquire con lui. Ne scaturisce così uno spettacolo che è un improbabile varietà sull’idea di memoria e il suo rapporto con l’infanzia, dai ricordi quotidiani più condivisi (la scuola) a quelli più intimi (il sonno), visti con gli occhi di un “immaginario” proprio del bambino. I ricordi si collegano in un caleidoscopio a ritroso, ogni immagine è rimasta a lui appiccicata in un abito o un oggetto che evocano una situazione.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore, d’oggetti e musica dal vivo.
Ingresso: 3 euro (adulti e bambini); gratuito per bambini 0-3 anni.

Lunedì 1 agosto 2016 - ore 21.15
Piazza Nenni/Molinella
La Baracca
L’ELEFANTINO
scritto, diretto e interpretato da Bruno Cappagli
Bubu è l’unico maschietto della famiglia e le sue sorelline sono troppo piccole per accudire la casa, così mamma e papà hanno dato a Bubu l’incarico di lavare tutti i calzini della famiglia. È un lavoro noioso e Bubu, mentre lava, si racconta una storia. Come per magia i calzini prendono vita e si trasformano in animali della giungla che ci racconteranno di come il piccolo elefantino dal piccolo naso, dotato di un’insaziabile curiosità, fu il primo di tutti gli elefanti ad avere la proboscide e di come scoprì quanto gli fosse utile. L’elefantino incontrerà animali di tutti i colori e di tutte le dimensioni, ma soprattutto incontrerà canzoni, perché ogni calzino ha un suono che fa cantare. Sono suoni che ricordano l’Africa, voci che lasciano immaginare la terra, gli alberi o l’acqua verde e limacciosa del fiume.
La storia raccontata dall’elefantino è tratta molto liberamente da un racconto di Rudyard Kipling. Immaginazione, sorpresa, curiosità e musica sono gli elementi che animano questo racconto.
Tecnica utilizzata: teatro d’attore e d’oggetti
Ingresso: 3 euro (adulti e bambini); gratuito per bambini 0-3 anni.

Per gli spettacoli a pagamento della rassegna non si effettuano prevendite, né prenotazioni

Nelle sere di spettacolo la Biglietteria aprirà alle ore 20 nel Voltone della Molinella. In caso di maltempo gli spettacoli previsti in Piazza Nenni/Molinella si terranno all’interno del Teatro Masini.

Info
TEATRO MASINI ESTATE 2016
Teatro Masini – Piazza Nenni, 3 48018 Faenza (RA)
tel: + 39 0546 21306
fax: + 39 0546 680121
email: teatromasini@accademiaperduta.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Ragazzi nella Molinella: una magica estate da favola

RavennaToday è in caricamento