Tra storia e ambiente, Osiride Guerrini e Alberto Giorgio Cassani ricordano l'amico Barberini

Vanno avanti I Sabati del Moog: la rassegna curata da Ivano Mazzani propone, sabato 9 novembre alle 18.00, un nuovo appuntamento negli spazi del Moog di vicolo Padenna 5 a Ravenna. Nel terzo incontro stagionale Osiride Guerrini e Alberto Giorgio Cassani propongono un toccante ricordo dello scomparso Pietro Barberini, attraverso un dialogo che parte dal libro “Ravenna. Un paesaggio che attraversa la storia” (Sbc Edizioni 2019).

Il volume che viene presentato, scritto a quattro mani da Pietro Barberini e Osiride Guerrini, è il racconto di un lungo viaggio attraverso il territorio ravennate sul quale gli uomini hanno agito da sempre modificando le linee evolutive naturali. Uno studio di sintesi di un percorso attorno alla città e alle sue memorie che lega aspetti e problemi di un ambiente mutevole, in rapida trasformazione, fatto di spiagge basse e sabbiose, di valli e pinete, di fiumi che spagliano e colmano bassure e lasciano segni nell’area urbana, nell’area portuale e sul litorale, creando nuovi assetti sociali.
Ravenna é il luogo esemplare per dimostrare come storia e geografia siano inscindibili in un rapporto di causa effetto; uno studio che si presta anche ad una riflessione sulle scelte di utilizzo dell'ambiente fatte in loco o avvenute per volontà esterne.

Dopo la laurea in Lettere, Osiride Guerrini, diventa docente e coordinatrice di corsi di storia medievale e su tematiche storico ambientali locali presso l’Università per la Formazione permanente degli adulti Bosi-Maramotti, presso l’Universitas Domus Mathae (Casa Matha) e vari enti culturali del territorio. Docente di lettere, è appassionata ricercatrice di cultura locale, ha coordinato e preso parte a conferenze pubbliche, mostre ed eventi. Tra le sue pubblicazioni vanno citate “Ravenna nel XIII secolo. Storia e vita nel Comune medievale” (1993), “Giochi nella Valle. Da Zacula a Furmajn” (2008), “Aqua e tëra, tëra e aqua, vivere e lavorare a Sant’Alberto un paese fra Primaro e Lamone” (2013) “La ròba d’una völta a Ca d’Sgurèn” (2018 ). Oltre a “Ravenna. Un paesaggio che attraversa la storia” è stata coautrice con Pietro Barberini del volume “Il Lamone, un fiume tra storia e genti” (2016).

Laureato in Architettura al Politecnico di Milano e dottore di ricerca in Conservazione dei beni architettonici, Alberto Giorgio Cassani ha insegnato per diversi anni come professore di Teorie e storia del restauro al Politecnico di Milano. È attualmente docente di Elementi di architettura e urbanistica all’Accademia di Belle Arti di Venezia e, dal 1995, insegna la stessa materia all’Accademia di Belle Arti di Ravenna. Inoltre cura e collabora con numerose riviste specializzate. Già membro del Circolo Gramsci di Ravenna e della Fondazione “Ravenna Capitale”, ha vinto il Premio Guidarello per il Giornalismo d’Autore - sezione “Romagna-Cultura”.

L'ingresso è gratuito.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Mafiavirus, la tragica vicenda di Peppino Impastato raccontata da suo fratello Giovanni

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 febbraio 2021
    • online
  • Conflitti genitori-figli e separazioni, un confronto con gli esperti

    • solo oggi
    • Gratis
    • 25 febbraio 2021
    • online

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento