"Tutto quello che so del grano" chiude la stagione al Rasi

Giovedì 24 e venerdì 25 maggio, ore 20.00, chiude al Rasi La stagione dei teatri di Ravenna con lo spettacolo Tutto quello che so del grano.

Tutto quello che so del grano è il nuovo percorso di ricerca del Teatro delle Ariette verso un teatro umano e necessario, civile e poetico che si trasforma in alcune condizioni da percorso personale a evento collettivo, dove ognuno, con la propria presenza, diventa l’artefice di quell’incontro magico chiamato Teatro. Ai partecipanti che arriveranno al Teatro Rasi è chiesto, se lo desiderano, di portare una focaccia o una pizza o un pezzo di pane o la torta fatta in casa, per celebrare un battesimo laico dell'estate. Lo spettacolo conclude La stagione dei teatri 2017/18. Si ringrazia la Casa Protetta Garibaldi per la collaborazione.

«Tutto quello che so può essere niente – dicono i fondatori delle Ariette, Paola Berselli e Stefano Pasquini. E il grano? Alle soglie dei sessant’anni, qualcosa devi pure avere imparato, qualcosa devi sapere, e questo qualcosa non puoi tenerlo per te, perché fai teatro, perché sei un’attrice… Tutto quello che so del grano è una sorta di pausa, una meditazione collettiva su quello che sappiamo di noi stessi, dei nostri simili e della terra che abitiamo. Quel “sapere” che cerchiamo, che vogliamo ascoltare e raccontare, non è solo un sapere scientifico. Cerchiamo piuttosto di condividere un sapere intuitivo e sentimentale, che appartiene al campo dell’esperienza materiale: i ricordi, le emozioni, i sentimenti, la farina, l’acqua, il pane e il vino».

Le Ariette si sa, in scena impastano, aspettano i tempi non accelerabili della lievitazione, cuociono, condividono il cibo, mentre raccontano la loro storia di esseri umani e artisti. Il soggetto di Tutto quello che so del grano è presto detto: un uomo e una donna, che vivono insieme da più di trent’anni, coltivano la terra, allevano animali e fanno teatro. La sera prima hanno litigato, lui il mattino seguente si sveglia presto e inizia a impastare una focaccia per lei, e nelle pause tra una lievitazione e l’altra, le scrive una lettera per dirle tutto quello che ha capito e imparato del grano, dei sentimenti, delle emozioni. Scrive per lei, che è un’attrice, per regalarle un monologo così bello da vincere tutti i premi e avere un grande successo, perché lei possa leggere e dire le sue parole di fronte agli spettatori e lui possa, nascosto tra loro, ascoltarle ogni sera, per sempre.

Ingresso unico: 10 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Claudio Bisio e Gigio Alberti portano in scena la commedia "Ma tu sei felice?"

    • dal 1 al 2 ottobre 2020
  • "Enrichetta da ciuffo" e "Aspettando Dracula": due spettacoli per la Festa di San Michele

    • dal 27 al 28 settembre 2020
    • Teatro Goldoni
  • Flavio Oreglio atteso al "Carmine": riparte la stagione teatrale di Massa Lombarda

    • 3 ottobre 2020
    • sala del carmine di Massa Lombarda

I più visti

  • A Cervia appuntamento con il 40esimo "Festival dell'Aquilone": un mese di iniziative

    • Gratis
    • dal 3 settembre al 4 ottobre 2020
    • spiaggia libera di Cervia
  • Mei 2020: i live di Piero Pelù, Tosca, Ernia, Omar Pedrini e l'omaggio a Titta

    • Gratis
    • dal 2 al 4 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Ravenna Live Music Party: una maratona concertistica dedicata a Franco Vassura

    • 3 ottobre 2020
    • Teatro Alighieri
  • A Bagnacavallo l'edizione 2020 della "Festa di San Michele"

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 25 al 29 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RavennaToday è in caricamento