Un coro italiano e uno estone danno voce a Caldara e Part, due universi musicali a confronto

Antonio Caldara e Arvo Pärt, due compositori molto diversi fra loro, ma la cui distanza è colmata nel calendario di Ravenna Festival, che li propone in rapida successione: sabato 29 giugno, alle 19, è di Caldara la Missa dolorosa presentata da Coro Ecce Novum, Gamma Chorus e Faventia Ensemble diretti da Silvia Biasini, un appuntamento unico dei Vespri a San Vitale.

Domenica 30 giugno, alle 11.15 nella Basilica di San Francesco, la liturgia domenicale di In templo Domini vedrà impegnato l’Estonian Philharmonic Chamber Choir, diretto da Kaspars Putniņš (Andrea Berardi all’organo), con la Berliner Messe di Pärt.

Antonio Caldara, classe 1670, compositore alla corte del duca di Mantova e nella Spagna degli Asburgo; poi a Roma, dove scrisse per il Cardinale Ottoboni e per il Principe Francesco Maria Ruspoli, succedendo a Händel nella carica; infine, alla corte imperiale di Vienna. Arvo Pärt, nato nel 1935, campione del minimalismo sacro capace di creare, dopo un periodo di assoluto e volontario silenzio, il suo proprio e inconfondibile stile, quello dei tintinnabuli.

1 euro il biglietto per Vespri a San Vitale (la durata è di circa 40 minuti)
Ingresso libero alla liturgia di domenica 30 giugno.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Un picnic itinerante in collina per godere dei sapori di stagione

    • 31 maggio 2020
    • Oriolo dei Fichi
  • La storia della Petrolifera in 47 fotografie

    • Gratis
    • dal 24 maggio al 14 giugno 2020
    • Galleria FaroArte di Marina di Ravenna
  • Speciali visite guidate tra castelli ed erbe medicinali

    • dal 31 maggio al 2 giugno 2020
    • Rocca di Riolo e giardino delle Erbe di Casola Valsenio
  • La presentazione del volume "Le epidemie nella storia di Faenza"

    • solo oggi
    • Gratis
    • 28 maggio 2020
    • in diretta Facebook
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento