"Un paesaggio che attraversa la storia", la mostra che spiega le trasformazioni del territorio

  • Dove
    Biblioteca Classense
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 24/02/2020 al 29/03/2020
    da martedì a sabato dalle 9 alle 19; domenica e lunedì dalle 14 alle 19
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Lunedì 24 febbraio alle 17 inaugura alla Classense la mostra Ravenna, un paesaggio che attraversa la storia che resterà visitabile fino al 29 marzo.

L’esposizione, allestita nel Corridoio grande, prende spunto dall'omonimo volume pubblicato da Osiride Guerrini e Pietro Barberini, prima della prematura scomparsa di quest’ultimo (SBC Edizioni, 2019).

Gli autori, ottimi conoscitori della città, del territorio e delle trasformazioni avvenute nei secoli, tracciano nel volume una storia così chiara che merita di essere seguita ed ulteriormente indagata anche grazie ai documenti presentati in mostra.

L’occasione si presta anche a valorizzare le mappe manoscritte dell’Archivio storico comunale di Ravenna, conservato presso la Biblioteca Classense, e le splendide incisioni della biblioteca stessa che mostrano il territorio e la città nei secoli passati.

Là dove è impossibile mostrare documenti coevi, il visitatore avrà la sorpresa di vedere vedute fantastiche di una Ravenna divenuta quasi città di fiaba, suggestive ricostruzioni del porto della flotta romana ad opera di un anonimo cartografo del XVI secolo e la rappresentazione di Ravenna su isole, realizzata dal grande geografo Vincenzo Coronelli (1650-1718) e ispirata a Venezia. Suggestive le immagini della stele dei militari romani e dei carpentieri che costruivano e riparavano le imbarcazioni della flotta.

Non si può studiare l’evoluzione della città e del territorio senza leggere le opere di Lucio Gambi, Paolo Fabbri e Arnaldo Roncuzzi che hanno dedicato buona parte dei loro lavori all’ argomento. Ed ecco le loro ricostruzioni della linea di costa, delle valli, dei corsi d’acqua che attraversavano Ravenna nell’ antichità, completati dai disegni a mano libera di Pietro Barberini che ci aiutano ad immaginare quello che non esiste più da molti secoli, ma che ancora ci influenza e si impone alla nostra attenzione.

La parte conclusiva della mostra è dedicata a due temi di grande interesse: le bonificazioni, mostrate attraverso la mappa Frontali Brusi, recente dono di Andrea Frontali all’ Archivio storico comunale, e le pinete, soprattutto le pinete litoranee, illustrate dall’ album conservato nel Fondo Rava.

All’ inaugurazione interverranno Claudia Giuliani, Lorenzo Cottignoli e i curatori Giovanna Montevecchi, Osiride Guerrini e Claudia Foschini.

L’ingresso è libero.

Orari: da martedì a sabato dalle 9 alle 19; domenica e lunedì dalle 14 alle 19.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La storia della Petrolifera in 47 fotografie

    • Gratis
    • dal 24 maggio al 14 giugno 2020
    • Galleria FaroArte di Marina di Ravenna
  • I paesaggi di Renato Bruscaglia nella prima mostra al Museo Civico dopo la riapertura

    • Gratis
    • dal 29 maggio al 12 luglio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine

I più visti

  • La storia della Petrolifera in 47 fotografie

    • Gratis
    • dal 24 maggio al 14 giugno 2020
    • Galleria FaroArte di Marina di Ravenna
  • Un picnic itinerante in collina per godere dei sapori di stagione

    • 31 maggio 2020
    • Oriolo dei Fichi
  • La presentazione del volume "Le epidemie nella storia di Faenza"

    • Gratis
    • 28 maggio 2020
    • in diretta Facebook
  • Aperitivi letterari: Nicoletta Ciani presenta il suo romanzo d’esordio "L’avvocato Piero Stabile"

    • Gratis
    • 27 maggio 2020
    • pagina Facebook della biblioteca comunale “Fabrizio Trisi”
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento