Una visita alla scoperta di Villa Rotonda

Con Villa Rotonda iniziano, sabato 10 ottobre alle 15, le visite d’autunno della Pro Loco Faenza. Accessibile anche negli interni per la cortese disponibilità dei proprietari, Villa Rotonda è forse la più emblematica delle ville neoclassiche faentine: per l’unicità della sua architettura, che racchiude numerose allusioni politiche e massoniche (siamo in epoca napoleonica e si afferma una massoneria filofrancese libertaria e solidaristica che nulla ha a che vedere con la massoneria eversiva degli anni Settanta del ’900), per le personalità del committente, il colto e nobile Achille Laderchi, e degli architetti progettisti, Giannantonio Antolini e Giacomo Albertolli, e, non ultima, per la stupenda cornice ambientale costituita dalle primissime colline di Castel Raniero.

Edificata fra il 1798 – i francesi di Napoleone sono entrati in Faenza da un anno – e il 1805, Villa Rotonda è famosa per il suo corpo centrale cilindrico sormontato da cupola e affiancato da un’elegante loggia semicircolare: il tutto simboleggia la fratellanza e l’uguaglianza della Rivoluzione Francese, ma di grande effetto sono anche le altre stanze decorate sui soffitti o alle pareti: in particolare si distingue il seminterrato dipinto illusionisticamente verso metà ‘800 da Romolo Liverani. Lo scenografo faentino inserì, in mezzo a finti tendaggi, tra finestre dipinte che si alternano a finestre esistenti, in un gioco insomma di vero e di visionario, una serie di paesaggi fantastici, forse anch’essi non privi di riferimenti massonici, in ogni caso godibilissimi ancor oggi.

Nell’occasione si visiterà anche il parco, sostanzialmente impostato sempre su moduli rotondi, a partire dal prato semicircolare, sul retro, affacciato verso Faenza, per finire con le macchie a leccio che affiancano il laghetto (ora prosciugato), con isoletta e ponticello. Non a caso vi prevalgono i sempreverdi, a ribadire quel concetto di "eterna primavera" che qui regna, come si legge nel motto riportato su uno dei tempietti laterali alla villa stessa.

E’ richiesto un contributo di 3 euro destinato a fini culturali. Ritrovo ore 14.30 in bici presso Pro Loco - Voltone della Molinella o alle ore 15.00 al parcheggio di via Castel Raniero n. 4. Prenotazione obbligatoria, posti limitati, uso della mascherina, comportamenti adeguati al momento di emergenza sanitaria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Dalle visite guidate al "picnic aromatico": gli appuntamenti del Giardino delle Erbe

    • dal 1 al 30 maggio 2021
    • Giardino delle Erbe
  • Un viaggio tra i percorsi di arte urbana di Ravenna

    • dal 14 al 16 maggio 2021
    • Darsena di Ravenna
  • Oasi naturali e tesori antichi: alla scoperta delle meraviglie nascoste con le Giornate Fai

    • dal 15 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma

I più visti

  • L'eterno fascino di piante e fiori si riscopre con le visite ai “Giardini segreti”

    • Gratis
    • dal 8 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma
  • Passeggiate, tour in bici, aperitivi e spettacoli itineranti: tanti eventi in Darsena

    • Gratis
    • dal 15 al 16 maggio 2021
    • Darsena
  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento