menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Uomini e lupi", Eraldo Baldini e Marco Galaverni a spasso tra storia e miti della Romagna

In questo nuovo lavoro i due autori conducono il pubblico alla scoperta della figura del lupo tra suggestioni, realtà e leggende

Arriva nelle librerie martedì 30 marzo un nuovo percorso attraverso la storia e il folklore romagnolo: sono Eraldo Baldini e Marco Galaverni gli autori del volume "Uomini e lupi in Romagna e dintorni. Realtà e mito, attualità e storia". Eraldo Baldini torna così alla saggistica con una nuova ricerca sulle culture popolari italiane e sulla storia sociale e culturale delle comunità romagnole. Il noto scrittore "incontra" in questo volume Marco Galaverni, dottore di ricerca in Biodiversità ed Evoluzione all’Università di Bologna chea oltre dieci anni si occupa di studio e ricerca sul lupo in Italia e nel mondo,

Per secoli la storia, ovviamente raccontata dai vincitori (l’uomo), ha rappresentato il lupo come un feroce predatore di animali e di persone, malvagio e antropofago, infido e letale. Una specie contro la quale era non solo lecito, ma necessario e doveroso mettere in atto ogni pratica di sterminio. Sia chiaro: non è che la figura del lupo aggressore di pecore e bambini, pericoloso per i pastori e i villaggi, sia pura invenzione: le cronache del passato, anche di quello della Romagna e dintorni, non sono prive di episodi in cui a subire e a provare un grande e giustificato timore sia stato l’uomo. Ma in questa storia, raccontata dai protagonisti di una sorta di “conquista del West” in cui il West era costituito dalle foreste e dalle boscaglie, dai crinali montani e dalle lande incolte di pianura, è spesso mancata una visione obiettiva e critica. Non si è sempre voluto raccontare come la conquista umana degli spazi e degli ambienti naturali da antropizzare, coltivare o destinare a pascolo abbia comportato il sottrarli alla disponibilità di una specie animale che sempre più si trovò in difficoltà fino, in diverse aree, a subire l’estinzione, anche a causa di una caccia costante e spietata.

Per contro, certe pubblicazioni degli ultimi decenni hanno ugualmente travisato i fatti negando che il lupo si sia mai comportato… da lupo, e sottacendo la realtà storica di momenti e situazioni in cui il rapporto uomo-predatore si era fatto difficile e critico anche per l’uomo. Partendo da una approfondita ricerca storico-documentaria, lo storico e antropologo culturale Eraldo Baldini racconta il millenario rapporto uomo-lupo in Romagna e dintorni; ci fa poi conoscere come il lupo sia divenuto protagonista del mito, della cultura popolare e delle fiabe. Avanza inoltre l’ipotesi che ci sia una “particolarità romagnola” nella questione, dato che da questo territorio il lupo non è mai completamente scomparso, grazie alla conservazione di ampie e impervie zone boschive non troppo intaccate dalle attività dell’uomo, come il comprensorio delle Foreste Casentinesi, e che ciò sia stato sufficiente a non obbligare il predatore, se non in casi rari ed eccezionali, ad avventurarsi, così come fece in molte altre aree italiane ed europee, in una agguerrita ricerca di spazi e di cibo fino a un drammatico incontro e «scontro» anche fisico con l’uomo stesso.

Marco Galaverni, poi, uno dei massimi esperti del settore, dottore di ricerca in Biodiversità ed Evoluzione all’Università di Bologna e responsabile Specie e Habitat del WWF Italia, che da oltre dieci anni si occupa di studio e ricerca sul lupo in Italia e nel mondo e ha al suo attivo libri sull’argomento e decine di articoli scientifici per riviste internazionali, dà conto della situazione odierna, della sua recente evoluzione, e di come il lupo abbia potuto “riconquistare”, pure – e soprattutto – da noi (ultimamente anche in pianura e nelle pinete ravennati), presenza e spazi, nel raggiungimento di una realtà eccezionalmente positiva dal punto di vista ecologico e naturalistico e, nel contempo, nel ripresentarsi di problematiche da affrontare con razionalità e con nuove sensibilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento