menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vie dell'Amicizia, il concerto di fratellanza tra Ravenna e Atene arriva in tv

Viene trasmesso su Rai 1, lunedì 5 agosto, il concerto che si è svolto al Pala De André di Ravenna con un complesso misto di musicisti italiani e greci diretto da Riccardo Muti

Ravenna-Atene, un filo che lega queste due città grazie alle vie dell'Amicizia, un ponte di fratellanza attraverso l'arte e la cultura che sarà ammirato in televisione da tutta l'Italia.

Uno stretto connubio tra la capitale greca e la città bizantina che si è realizzato quest'estate grazie a Ravenna Festival e un doppio spettacolare concerto. Dopo aver portato la Nona Sinfonia di Beethoven nell’Odeon di Erode Attico, sul pendio meridionale dell’Acropoli di Atene, la musica dell'amicizia è giunta in luglio al Pala De André di Ravenna. E proprio questo secondo viene trasmesso su Rai 1, lunedì 5 agosto, alle 23.35

Le immagini del concerto di Atene, accompagneranno il live ravennate, sempre sotto la direzione del maestro Riccardo Muti, per un incrocio fra due Paesi “fondamentali - com ha dicharato lo stesso Muti - per il mondo occidentale, per il contributo inestimabile con cui nei secoli ne hanno determinato il pensiero, l’arte, la filosofia”. 

Il pubblico italiano può così ammirare il complesso di 200 elementi - spicca anche Francesco Manara, primo violino solista della Scala - costituito dall’unione dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini con formazioni elleniche: Athens State Orchestra, Thessaloníki State Symphony Orchestra, ERT National Symphony Orchestra, Greek Youth Symphony Orchestra, City of Athens Symphony Orchestra, City of Athens Philharmonic. Musicisti a cui si uniscono le voci del Coro Costanzo Porta insieme a quelle dell’ERT National Choir e del Choir of the Municipality of Athens, preparati dai maestri Antonio Greco e Stavros Beris. 

Quello che è un vero e proprio inno all’Europa e alla fratellanza tra i popoli è affidato alle voci del soprano di origine kazaka Maria Mudryak, del mezzosoprano russo Anastasia Boldyreva, del tenore Luciano Ganci e del basso, anch’esso di origine russa, Evgeny Stavinsky. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento