Visite guidate, incontri online e laboratori per rimettersi in contatto con la natura

Tanti appuntamenti in programma in Bassa Romagna per immergersi nella natura tra curiosità e sorprese

Proseguono le attività rivolte alle famiglie per favorire percorsi di immersione in natura e ristabilire il contatto quotidiano con essa in Bassa Romagna. Anche nel mese di novembre il Ceas Bassa Romagna coinvolge le famiglie in esperienze di esplorazione e scoperta di contesti significativi per riconnettersi alla natura, riflettere sull’importanza dei materiali naturali e la necessità di riappropriarsi di un tempo lento.

Sabato 14 novembre alle 10 al Parco del loto di Lugo una esplorazione nella natura a cura di Francesca Casadio Montanari della Fondazione Villa Ghigi di Bologna: un’occasione di immersione in un ambiente naturale attraverso lo sguardo incantato e curioso dei più piccoli. Prenotazione obbligatoria allo 0545 38343, email ambiente@unione.labassaromagna.it.

All'Ecomuseo delle erbe palustri di Villanova di Bagnacavallo, tre appuntamenti venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 novembre, dalle 10 alle 11.30: i partecipanti, dopo una visita guidata, parteciperanno a un incontro sul recupero dell'identità territoriale e i giocattoli di una volta, per concludere con un laboratorio manuale di carta. Prenotazione obbligatoria allo 0545 47122, email erbepalustri.associazione@gmail.com.

Al Podere Pantaleone di Bagnacavallo domenica 22 novembre alle 14 una visita guidata all'oasi; sarà possibile acquistare frutti antichi e chi vorrà potrà portare a casa  alberi dell'oasi appena nati salvati dallo sfalcio, da piantare nel proprio giardino. Prenotazione obbligatoria al 347 4585280, email info@poderepantaleone.it.

Tutte le iniziative sono gratuite, si svolgeranno nel rispetto delle norme anti-covid e prevedono un numero limitato di partecipanti.

Sono inoltre previsti due appuntamenti online, aperti a educatori, insegnanti e famiglie: sabato 21 novembre alle 15 ci sarà "La flora del Comune di Alfonsine", con Sergio Montanari della Società per gli studi naturalistici della Romagna (per informazioni sul webinar e su come accedere, scrivere a casamonti@atlantide.net); giovedì 26 novembre alle 17 riflessioni condivise sul ruolo dell'adulto nelle esperienze di gioco e didattica all'aperto, con Irene Salvaterra, educatrice ambientale della Fondazione Villa Ghigi; la prenotazione è obbligatoria scrivendo a centrofamiglie@unione.labassaromagna.it, al momento dell'iscrizione saranno fornite le indicazioni per accedere all'incontro online.

Il calendario delle attività sarà aggiornato mano mano durante l’anno educativo e verrà promosso nei canali ufficiali dell’Unione Bassa Romagna, dei Comuni e del Ceas.

I Servizi Educativi 0-6 anni dell’Unione Bassa Romagna, il Coordinamento pedagogico e il Centro di educazione alla sostenibilità (Ceas) Bassa Romagna hanno avviato ormai da qualche anno la formazione e la sperimentazione di pratiche di educazione all'aperto nelle sezioni di nido e materna delle scuole comunali del territorio. Il lavoro è supportato a livello scientifico dall’Università di Bologna e dalla Res - Rete di educazione alla sostenibilità della Emilia-Romagna, che affiancano il personale educativo nella formazione continua e nella ricerca.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento