menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voglia di burattini? Ecco il corso per imparare a costruire i propri "puppet"

Ancora aperte le iscrizioni al laboratorio di Puppet Making per Stop Motion con l'artista del mondo dell'animazione Stefano Bessoni

Ancora aperte le iscrizioni al workshop di Puppet Making per Stop Motion con Stefano Bessoni, personalità d’eccezione nel panorama del cinema d’animazione contemporaneo, che è ospite a Faenza dell’associazione culturale Altr’e20.

Il corso si svolge dall’11 al 13 ottobre 2019: tre giorni di laboratorio dove Stefano insegna, svelando trucchi e segreti, a realizzare burattini animabili con tecnica diretta.

Quei burattini che tutti abbiamo visto in film d’animazione come il recente capolavoro di Wes Anderson “L’isola dei cani”, o “Box troll. Le scatole magiche”, “La mia vita da zucchina”, “Kubo e la spada magica”, o i più datati “Nightemare before Christmas”, “Galline in fuga”, ecc.
A fine corso i partecipanti avranno il proprio puppet che potranno muovere e rendere protagonista di un cortometraggio in stop motion.

Il corso è a numero chiuso e rivolto ad un massimo di 12 partecipanti e si svolge nella saletta del Fontanone-dissetante cultrale in via G. da Oriolo a Faenza nei giorni ven. 11, sab. 12 e dom. 13 ottobre dalle ore 10 alle 18.

Per informazioni ed iscrizioni: info.rigenerazioni@gmail.com - 342 6613841

Bessoni, tutor d’eccellenza nell’ambito dell’animazione stop motion, insegna illustrazione e animazione stop motion in Italia e in Spagna; è regista, illustratore e autore di storie popolate da personaggi fantastici, che da pregiate illustrazioni trovano la loro trasposizione tridimensionale in mirabili marionette, protagoniste di lavori cinematografici come Krokodyle (2011), Imago mortis (2009) e Frammenti di scienze inesatte (2005).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento