Assaggi di Natale, spettacolo e no alla violenza: un weekend tutt'altro che scontato

Nonostante il Black Friday e lo svuotone dei negozi, il weekend di Ravenna stupisce sempre, col Natale alle porte, il trionfo dei palcoscenici e un secco "no" alla violenza

NATALE DA ASSAGGIARE, CON LA FESTA DELLA CONFETTURA

Il Natale si ama o si odia, come le Superga, ma sicuramente l'argomento cibarie aiuta non poco la decisione. Ed ecco quindi che, tra gli eventi di venerdì, sabato e domenica, buca il cielo come un faro nella notte l'inziativa degli Assaggi di Natale in Piazza San Francesco, un grande mercatino caratteristico con oltre 25 aziende artigiane, in cui trovare tantissime proposte di regalo, tante idee per allestire la casa e la tavola, gli alberi di Natale, il cibo delle feste, laboratori di decorazioni e animazioni.
Menzione speciale senza se e senza ma, per la Festa della confettura di Campagna Amica: sabato 26 e domenica 27 novembre verranno messi in piazza tutti i segreti per realizzare marmellate self made buone, gustose e salutari. Ovviamente con frutta del territorio. I produttori illustreranno le tecniche per preparare ottime confetture artigianali e presenteranno alcune curiosità in assaggio come confetture di pesca, anguria, pomodori verdi, zucca caramellata, ma anche gelatine al vino e uva caramellata in abbinamento con crêpes dolci fatte al momento.
Da sabato si respirerà l'atmosfera natalizia anche a Solarolo: alla vigilia della prima domenica dell’Avvento, verrà infatti acceso l’albero di Natale che i “gemelli” tedeschi di Kirchheim Am Ries regalano annualmente per tradizione in occasione delle feste. L’abete, proveniente dalle foreste situate nei pressi del piccolo centro tedesco, nella regione del Baden-Württemberg, verrà acceso alle 17, in Piazza Gonzaga, di fronte al Municipio, con una cerimonia che si ripete da anni e per l'occasione i bambini delle scuole si esibiranno in canti di Natale, rievocando - a seconda dei punti di vista - le atmosfere dei film americani, o di Profondo rosso.

L'OLIO PER TUTTI I MALI: COM'É BUONO IL BRISIGHELLO

Nell’ultima domenica del mese di novembre si celebra il preziosissimo olio extra vergine d’oliva “Brisighello” DOP, il prodotto enogastronomico principale della Terra di Brisighella. L’Olio extravergine di Oliva di Brisighella è stato il primo ad aver ottenuto, era il 1996, il riconoscimento DOP (Denominazione di Origine Protetta). Qui le olive, raccolte con brucatura a mano, vengono lavorate tramite perforamento a freddo da macine e macchinari di ultima generazione in regola con il disciplinare dell'UE. La domenica, durante la festa accompagnati dalla musica folk della Banda del Passatoresi premieranno i primi trenta agricoltori che aderirono al progetto Brisighella DOP e in Piazza Marconi ci sarà un piccolo frantoio dove si potrà ammirare il processo di molitura e sbafare l'olio nuovo. A corredo del tutto, l'immancabile mercato dei prodotti tipici autunnali dell’Appennino tosco-romagnolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Tommaso Sintini, ex pallavolista e veterinario: "Una bontà fuori dal comune"

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Gruppo multato sul Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto, continueremo a incontrarci"

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Parrucchieri, estetisti, gommisti fuori dal proprio Comune: si possono raggiungere?

Torna su
RavennaToday è in caricamento