rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Scuola

Centinaia di borse di studio per i programmi all’estero: aperto il bando di Intercultura

I programmi sono rivolti prioritariamente a ragazzi nati tra il 1 luglio 2004 e il 31 agosto 2007

Tanta voglia di riprendersi la vita e ricominciare a scoprire il mondo. Sono gli adolescenti italiani un anno dopo il Covid. Secondo un'indagine realizzata da Laboratorio Adolescenza in collaborazione con Intercultura nel 2020 il 36% degli studenti delle scuole superiori avrebbe desiderato frequentare un anno di scuola all'estero, e oggi a voler fare questa esperienza è addirittura il 62% degli studenti delle scuole superiori, segno che la pandemia in realtà non ha prodotto solo effetti di chiusura, ma ha motivato ancora di più i ragazzi più curiosi. 

Per questi “esploratori”, desiderosi non solo di viaggiare ma di scoprire nuove culture, sono aperte le iscrizioni alle selezioni di Intercultura per i programmi all’estero e le borse di studio dell’anno scolastico 2022-23. I programmi dell’Associazione senza fini di lucro, che dal 1955 opera in Italia e in tutto il mondo attraverso la rete AFS Intercultural Programs, sono rivolti a  ragazzi nati prioritariamente tra il 1 luglio 2004 e il 31 agosto 2007 e consentono di frequentare una scuola locale e di vivere insieme a una famiglia selezionata.

Anche per quest’anno il bando di concorso prevede che gli studenti che necessitano di un sostegno economico possano usufruire di una delle centinaia di borse di studio totali o parziali messe a disposizione da Intercultura attraverso il proprio fondo dedicato a questo scopo. In aggiunta, da settembre, saranno disponibili altre centinaia di borse di studio grazie alle donazioni di numerosi enti, aziende e fondazioni. Le iscrizioni al concorso potranno essere effettuate online dal sito di Intercultura, a partire dal 1 di settembre fino al 10 novembre 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centinaia di borse di studio per i programmi all’estero: aperto il bando di Intercultura

RavennaToday è in caricamento