La zona sud del Parco del Delta si candida a Riserva Mab Unesco

Il programma Unesco Man and Biosphere (Mab) ha l’obiettivo di stabilire una base scientifica per il miglioramento delle relazioni tra le persone ed il loro ambiente

Un folto pubblico ha presenziato nel tardo pomeriggio di ieri, nella sala preconsiliare del comune di Ravenna, all’iniziativa di apertura del processo partecipativo per la candidatura a diventare Riserva della Biosfera Mab Unesco da parte dei Comuni di Alfonsine, Argenta, Cervia e Ravenna, i cui territori comprendono aree che fanno parte del Parco del Delta del Po Emilia-Romagna. Introdotto dall’assessore all’Ambiente del Comune di Ravenna, Guido Guerrieri, l’incontro ha registrato poi gli interventi di Mara Roncuzzi, assessore all’Ambiente della Provincia di Ravenna, in rappresentanza del Comitato Esecutivo del Parco (vista l’assenza per motivi di salute del presidente Massimo Medri); di Marcella Zappaterra, consigliere della Regione Emilia-Romagna con delega a seguire il Mab Unesco; di Graziano Caramori, il tecnico che sta seguendo la parte operativa dei lavori; e le conclusioni di Andrea Corsini, assessore regionale all’Ambiente, che ha ribadito l’importanza dell’eventuale riconoscimento per l’intero territorio, a livello ambientale, sociale, economico e naturalmente anche turistico. Fra i presenti in sala, i sindaci degli altri tre Comuni coinvolti (Luca Coffari di Cervia, Antonio Fiorentini di Argenta e Mauro Venturi di Alfonsine) i direttori dei due Parchi Regionali del Delta del Po (Maria Pia Pagliarusco di quello emiliano e Marco Gottardi di quello veneto), e numerosi rappresentanti delle istituzioni, del mondo associativo e di quello ambientalista. Nelle prossime settimane, in tutti e quattro i territori, il processo partecipativo prevede un nutrito calendario di incontri al fine di allargare quanto più possibile la platea di stakeholder con la quale condividere l’iniziativa e gli eventuali arricchimenti, in vista della presentazione della candidatura per il prossimo settembre.

Cos’è il programma Mab Unesco - Il programma Unesco Man and Biosphere (Mab) ha l’obiettivo di stabilire una base scientifica per il miglioramento delle relazioni tra le persone ed il loro ambiente. Le Riserve della Biosfera sono aree che comprendono ecosistemi terrestri, marini e costieri in cui si promuovono soluzioni per conciliare la conservazione della biodiversità ed il suo uso sostenibile. Oggi le aree Mab coprono una rete mondiale di 651 riserve distribuite in 120 paesi. Durante l’International Co-ordinating Council del programma Mab svoltosi a Parigi a giugno 2015, il Delta del Po è stato ufficialmente inserito in questa rete: il territorio a cui si riferisce l’attuale riconoscimento comprende vari Comuni del Delta veneto e una parte del Delta emiliano in provincia di Ferrara. L’attuale candidatura ha l’obiettivo di estendere il riconoscimento a diverse aree del Comune di Argenta (che rientra parzialmente nella perimetrazione già riconosciuta) e dei Comuni di Alfonsine, Cervia e Ravenna.

Come si struttura la Riserva Mab Unesco -  La Riserva della Biosfera prevede una suddivisione del territorio coinvolto in tre zone interdipendenti, che mirano a soddisfare tre funzioni complementari e sinergiche: Core, Buffer e Transition. Le zone Core (in verde nella cartina) comprendono un ecosistema strettamente protetto, che contribuisce alla conservazione di paesaggi, ecosistemi, specie e variazioni genetiche. Le zone Core sono circondate dalle zone Buffer (in arancione nella cartina), fasce cuscinetto utilizzate per attività compatibili con solide pratiche ecologiche che possano rafforzare la ricerca scientifica, il monitoraggio, la formazione e l'istruzione. Infine le zone Transition (in giallo nella cartina) sono la parte della Riserva in cui è consentita la maggiore attività, favorendo lo sviluppo economico, umano socio-culturale ed ecologicamente sostenibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vincoli e vantaggi - La Biosfera Unesco non prevede alcun vincolo aggiuntivo a quelli già esistenti. Viceversa, il prestigioso riconoscimento darebbe ai nostri territori ulteriore prestigio, aprendo nuove possibilità di sviluppo sostenibile in termini economici, ambientali, turistici. Ecco l’importanza di avviare un percorso partecipativo – così come richiesto dall’Unesco – affinché la richiesta di allargamento possa coinvolgere il maggior numero possibile di stakeholder.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento