Domenica, 17 Ottobre 2021
energia

Sostenibilità ambientale: consumi energetici ridotti col progetto "Fiesta"

I risultati dimostrano che le famiglie ravennati si sono rivelate disposte ad assumere comportamenti più sostenibili quando supportate e guidate adeguatamente

Si tirano le somme del progetto europeo Fiesta, a cui Ravenna ha partecipato con le città partner italiane Forlì e Trieste attraverso l’istituzione di uno sportello rivolto alle famiglie per risparmiare energia, favorendo comportamenti più sostenibili sia per l’ambiente sia per l’economia domestica. Notevoli i risultati ottenuti nei tre anni di attività: una riduzione del consumo di energia è stata sperimentata – con un risparmio energetico fino a 43.270 kWh/anno - insieme a un risparmio di emissioni di Co2 di 11.675 Kg/anno. Tali risultati dimostrano che le famiglie ravennati si sono rivelate disposte ad assumere comportamenti più sostenibili quando supportate e guidate adeguatamente. I comportamenti più virtuosi hanno conseguito il risultato di un investimento in energia da fonti rinnovabili per circa 40mila euro per la sola Ravenna e 73mila se si contano anche Forlì e Trieste. Uno dei risultati più significativi del progetto è stato la guida Fiesta e i cartoni animati Fiesta. Attraverso i due strumenti, destinati al grande pubblico, sono state esaminate le aree primarie del consumo energetico delle famiglie e definito i modi semplici per risparmiare denaro e energia.

Il risultato negli altri Paesi coinvolti nel progetto e le azioni generali

Un workshop conclusivo del progetto in tutti i Paesi di svolgimento si è tenuto a Bruxelles (Belgio) agli inizi di settembre ed ha registrato discussioni e dibattiti sui metodi migliori per incoraggiare l'adozione di comportamenti efficienti dal punto di vista energetico. I partner di progetto dei comuni di Logroño e Pamplona (Spagna) e Pazardjik (Bulgaria) hanno condiviso le loro esperienze rispetto alla partecipazione a Fiesta, delineando ciò che ha funzionato nel loro contesto locale per raggiungere i cittadini. Le famiglie di cinque paesi dell’Europa meridionale hanno raggiunto un totale di 2.053.036 kWh risparmiati grazie al cambio delle abitudini quotidiane, questo è quanto è stato reso noto dai risultati del progetto finanziato dalla Comunità Europea. Nei suoi tre anni di lavoro Fiesta ha cercato di incoraggiare una maggiore efficienza energetica tra le famiglie con bambini in Bulgaria, Croazia, Cipro, Italia e Spagna, raggiungendo una riduzione di 896 tonnellate di Co2. Attualmente il 29% dei consumi energetici sono dovuti al settore residenziale, dove circa il 66% di essi è causato da riscaldamento e condizionamento. Al fine di ridurre tali consumi il progetto si è impegnato ad eseguire 2.300 “energy audit” presso i residenti dei Comuni partner di progetto. Ogni audit prevedeva un sopralluogo di un esperto in energia presso la famiglia richiedente, il quale avrebbe suggerito i migliori cambiamenti da apportare in modo da risparmiare sulla bolletta energetica, come ad esempio sostituire i vecchi elettrodomestici con quelli più performanti, isolare l’abitazione e anche le tubazioni per l’acqua calda sanitaria, spegnere tutti gli elettrodomestici quando non sono utilizzati. Inoltre sono stati organizzati 350 workshop nelle città partecipanti al progetto, al fine di discutere dei benefici che si potrebbero trarre dal cambio di abitudini. Sono stati creati 14 Energy Help Desk, che consentono alle persone interessate di consultare esperti di energia per telefono o di persona. Il progetto Fiesta è finanziato dal programma Intelligent Energy Europe dell'Unione Europea e coordinato da Area Science Park di Trieste. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostenibilità ambientale: consumi energetici ridotti col progetto "Fiesta"

RavennaToday è in caricamento