Rinnovato e potenziato: inaugurato il depuratore di Bagnacavallo

L’intervento, che ha comportato complessivamente una spesa di 1.500.000 euro, rientra nel piano investimenti che Hera

Rinnovato e potenziato da Hera: è stato inaugurato martedì mattina il depuratore di Bagnacavallo. Hanno partecipato al taglio del nastro il sindaco Eleonora Proni, le autorità locali e Franco Fogacci, direttore Acqua di Hera. L’intervento, che ha comportato complessivamente una spesa di 1.500.000 euro, rientra nel piano investimenti che Hera ha pianificato per il ravennate e che ammonta a 44.000.000 di euro, come da Piano industriale di Hera al 2019. 

Il progetto che ha portato al rinnovamento dell’impianto, al servizio dei cittadini e delle aziende di Bagnacavallo, è stato realizzato dai tecnici di Hera con la finalità di potenziare e ottimizzare i processi di depurazione, garantendo la sicurezza dei trattamenti per migliorare ulteriormente le caratteristiche delle acque in uscita. E’ infatti quadruplicata la capacità idraulica relativa al quantitativo di acque in ingresso alla struttura ed è stata potenziata la capacità di trattamento dei reflui.

L’installazione di nuove strutture consente di rendere più efficienti le operazioni di trattamento dei liquidi. Sono state raddoppiate le vasche di trattamento biologico dei reflui, è stata costruita una nuova vasca di sedimentazione e sono stati installati due nuovi impianti di grigliatura: il primo è in grado di intercettare materiali di diametro superiore agli 80 millimetri, il secondo, oltre alla fase di grigliatura, esegue trattamenti di sabbiatura e disoleatura.

E’ stato inoltre realizzato un nuovo impianto di disidratazione dei fanghi che provengono dalle vasche di stoccaggio e di sedimentazione, in grado di trattare 9 quintali di fango all’ora.Il rinnovato depuratore è stato anche dotato di un sistema di automazione all’avanguardia che monitora continuamente i principali parametri quali/quantitativi dei reflui in ingresso e stabilisce, grazie a sofisticati processori di calcolo, le modalità ottimali di funzionamento delle macchine impiegate nel processo biologico, garantendo il rispetto dei limiti allo scarico e l’ottimizzazione dei consumi elettrici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’opera ha un’alta valenza ambientale. Senza la presenza di questi impianti, grandi quantità di acque reflue derivanti da attività domestiche e industriali, verrebbero scaricate direttamente in acque superficiali, senza alcun trattamento, compromettendone la qualità e i normali equilibri dell’ecosistema, in quanto il mare, i fiumi e i laghi non sono in grado di ricevere una quantità di sostanze inquinanti superiore alla propria capacità autodepurativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento