rotate-mobile
Sabato, 20 Agosto 2022
life Alfonsine

Estrazioni alla Stefanina, il comitato: "Pronti alla grande mobilitazione popolare"

"Nel caso in cui il procedimento si dovesse concludere con un'autorizzazione alla ricerca, sarà necessario dare vita ad un grande movimento di popolo per opporsi a questa scelta inopportuna e per molti versi sciagurata"

“Nel caso in cui il procedimento si dovesse concludere con un'autorizzazione alla ricerca, sarà necessario dare vita ad un grande movimento di popolo per opporsi a questa scelta inopportuna e per molti versi sciagurata. Il progetto di ricerca nell’area Stefanina prefigura lo sfruttamento indiscriminato del territorio, peraltro senza apportare benefici alla comunità, ma al contrario causando danni irreparabili.  Chiedo quindi all’amministrazione comunale e regionale di bloccare questi progetti”, lo dice Claudio Fabbri,  Presidente della Associazione per la Tutela del Territorio e della Salute della Bassa Romagna, che si è battuta in tutte le sedi per opporsi al Progetto STOGIT “Alfonsine” per lo stoccaggio del gas. 

Fabbri spiega di aver “inviato a mezzo posta elettronica certificata in data 3 marzo 2017 una comunicazione al Ministero dell'Ambiente contenente alcune osservazioni relative alla "Istanza di conferimento del permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato La Stefanina"”. Ed ancora: “Ho inteso esprimere la mia preoccupazione e la mia contrarietà ad ulteriori attività estrattive nel territorio ravennate e di Alfonsine in modo particolare. La ricerca di gas è funzionale alla sua estrazione e come tale è incompatibile con la tutela di un ambiente ad elevato pregio naturalistico e con qualsiasi prospettiva di sviluppo economico e sociale sostenibile basato sulla valorizzazione agricola e naturalistica della nostra cittadina”.

“Dispiace constatare che c’è la volontà politica di trasformare la Romagna, e in particolare la provincia di Ravenna, in un esempio obsoleto di sviluppo industriale. E’ stata tenuta segreta l’approvazione del progetto “Pozzi Longanesi” di Bagnacavallo e il Progetto STOGIT per lo stoccaggio gas ad Alfonsine langue unicamente per il fatto che le dinamiche di mercato rendono oggi poco appetibile questo affare. I terreni devono servire per le coltivazioni agricole (cioè per il cibo, un cibo sano, vero problema dell’immediato futuro) e le falde acquifere e più in generale il sistema dell’acqua devono essere tutelati come bene pubblico e  il fenomeno della subsidenza deve essere arrestato o quanto meno limitato, piuttosto che reso più grave e pericoloso con progetti simili. Nella zona Stefanina la situazione geologica consiglierebbe di evitare di insistere su questo modello di sviluppo; già ad Alfonsine furono bloccati dei pozzi per la presenza di acqua salata nei terreni, i quali causarono un danno insanabile. Si sta circondando la provincia di Ravenna, ed in particolare la Bassa Romagna, di nuovi impianti estrattivi, si svende il territorio e i suoi cittadini per pochi soldi che serviranno a “opere di contenimento” utili solo per le campagne elettorali. Qual è il limite allo sfruttamento?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estrazioni alla Stefanina, il comitato: "Pronti alla grande mobilitazione popolare"

RavennaToday è in caricamento