life

Piattoforme offshore: ecco l'intesa pilota Regione-Ministero per la gestione delle attività in mare

Un'intesa che sarà presentata a imprese e istituzioni venerdì a Ravenna, alle ore 15.30 in Comune, dall'assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi

Un accordo strategico per la gestione delle attività in mare, che coniughi la tutela dell'ambiente marino, della costa e delle attività turistiche con le istanze economico-industriali delle estrazioni off shore migliorando la sicurezza delle stesse. E' l'intesa, biennale, tra ministero dello Sviluppo economico e Regione Emilia-Romagna per la gestione delle attività di ricerca e coltivazione degli idrocarburi offshore e delle relative infrastrutture siglato a Roma dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e dal ministro per lo Sviluppo economico, Carlo Calenda, allora nell'esecutivo guidato da Renzi e oggi riconfermato nel Governo Gentiloni.

Un'intesa che sarà presentata a imprese e istituzioni venerdì a Ravenna, alle ore 15.30 in Comune, dall'assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi, che spiega: “E’ un accordo nato da un confronto di merito con tutti gli attori interessati presenti al tavolo del petrolchimico, oltre a essere stato condiviso con i Comuni della costa, che prosegue la positiva esperienza dell'analoga intesa operativa sulle attività estrattive in terraferma. Si tratta di un atto importante che dimostra la centralità e l'eccellenza rappresentata dall'esperienza del nostro territorio, in materia di sicurezza ambientale. Un patrimonio per l'intero Paese di competenze, professionalità, specializzazione”.

Un accordo pilota per la gestione delle attività' di ricerca e coltivazione degli idrocarburi offshore e delle relative infrastrutture che si integra con nuove politiche di sviluppo sostenibile per l'intero sistema economico, sociale e ambientale del mare e delle zone costiere, per favorire la progressiva apertura del settore off shore verso la transizione energetica carbon free nonché la valutazione delle modalità tecniche per un progressivo allontanamento dalla costa delle attività in essere.

“Il campo di interesse dell'Accordo- dice il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini- è ad ampio raggio. Non si limita alla sola condivisione di programmi di sviluppo di sistemi di monitoraggio per la sicurezza delle produzioni e dell'ambiente, ma si pone l'obiettivo di sviluppare linee strategiche relative alle attività off shore in un contesto di politiche integrate per lo sviluppo sostenibile e per l'intero sistema economico, sociale e ambientale del mare e delle zone costiere”.

Tra gli obiettivi dell'intesa quello di garantire e migliorare la sicurezza delle attività offshore sviluppando protocolli di monitoraggio, studi, progetti e azioni pilota che prevedano l'integrazione delle attività con i programmi e i progetti di sviluppo turistico, produttivo e di monitoraggio scientifico. Si va dallo sviluppo di tecnologie innovative per il "decommissioning" finalizzate al riuso delle piattaforme per l'estrazione metanifera e la formazione di “atolli” ambientali ma anche luoghi di ricerca internazionale nell'ambito dei Programmi della Macroregione Adriatico-Ionica. Ancora, laboratori scientifici per studiare i terremoti anche in alto mare alle piattaforme aperte ai turisti finalità turistico-ricreativa.

continua nella pagina successiva ====>

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piattoforme offshore: ecco l'intesa pilota Regione-Ministero per la gestione delle attività in mare

RavennaToday è in caricamento