Legambiente e Clarins insieme per liberare dai rifiuti la spiaggia di Lido di Classe

La spiaggia scelta fa parte del Parco regionale del Delta del Po, istituito nel 1988 e articolato in sei stazioni

Venerdì una delegazione della Clarins Italia, importante filiale del gruppo francese leader mondiale della cosmetica, con sede a Bologna, si è data appuntamento lungo la spiaggia libera di Lido di Classe per un evento speciale di Spiagge e Fondali Puliti, la versione estiva della storica campagna di Legambiente “Puliamo il Mondo”. Un’opportunità per liberare, insieme ai volontari di Legambiente e con il supporto del Corpo Forestale dello Stato (Ufficio Territoriale per la Biodiversità di Punta Marina Terme,Ravenna), le spiagge da rifiuti abbandonati e indifferenza, favorendo momenti di socializzazione e team building e diventando protagonisti del cambiamento e della lotta al degrado e all’incuria.

Oltre 80 i collaboratori Clarins impegnati in questa iniziativa: protagonista il team commerciale (agenti, sell out e merchandising specialist) insieme ai colleghi della sede che, armati di guanti e sacchi hanno raccolto bottiglie di vetro e di plastica, lattine, tappi, bicchieri, contenitori, strumenti da pesca e mozziconi di sigaretta, contribuendo a riportare bellezza alla spiaggia di Lido di Classe. La spiaggia scelta fa parte del Parco regionale del Delta del Po, istituito nel 1988 e articolato in sei stazioni: l’area in oggetto fa parte della Stazione “Pineta di Classe e Salina di Cervia”, oltre che del SIC/ZPS “Ortazzo, Ortazzino, Foce del Torrente Bevano”, elemento della rete ecologica europea Natura 2000.

Risalendo verso nord la spiaggia costeggia la pineta e le caratteristiche dune costiere di Lido di Classe giungendo fino alla foce del fiume Bevano, un corso d’acqua che attraversa la pianura ravennate sfociando tra Lido di Dante e Lido di Classe in uno dei settori costieri di maggior pregio naturalistico per la varietà di ambienti (dalle zone umide, alle pinete, alle spiagge sabbiose, agli estesi cordoni dunosi) e specie sia vegetali che animali che esso ospita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare la limitrofa Pineta di Classe che delimita la lingua sabbiosa è classificata come Sito di Interesse Comunitario e Zona di Protezione Speciale e presenta una flora molto ricca e tipica della macchia mediterranea, anche se purtroppo nel 2012 l’area tra Lido di Classe e Lido di Dante, che circonda la foce del Bevano, è stata vittima di due gravi incendi che hanno distrutto circa 40 ettari di alberi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Coronavirus, la nuova fotografia dei contagiati: undici sono in isolamento domiciliare

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento