Hera premia le scuole più “riciclone” di Faenza, Solarolo e Riolo Terme

“Portare avanti questo progetto – spiega Alberto Campri, Responsabile Hera esercizio ambiente Faenza e comprensorio faentino – è molto importante per noi perché riteniamo fondamentale un’attività costante di informazione e sensibilizzazione dei cittadini, anche dei più piccoli, per diffondere sempre più una cultura di sostenibilità e sensibilità ambientale”

Mercoledì nella sala del Consiglio comunale di Faenza si è svolta la premiazione della quindicesima edizione del concorso “Differenzia la tua scuola”, il progetto di raccolta differenziata promosso da Hera nelle scuole del distretto faentino. L’assessore all’ambiente Antonio Bandini e il responsabile esercizio ambiente di Hera per Faenza Alberto Campri hanno premiato gli istituti comprensivi e superiori più ricicloni del comune. In questi giorni sono state premiate anche le scuole più riciclone di Solarolo (che ha raggiunto la settima edizione dell’iniziativa) e Riolo Terme (che invece ha partecipato quest’anno per la prima volta). 

Complessivamente nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, gli Istituti comprensivi e superiori dei tre Comuni, circa 11.750 alunni, di cui oltre 9700 faentini, 350 di Solarolo e 1600 di Riolo Terme, sono stati coinvolti nella raccolta differenziata in classe della carta. Il materiale conferito è stato valutato dai tecnici di Hera nella qualità e quantità (nelle scuole di Faenza sono state valutate anche le raccolte di plastica, lattine, pile, tetrapak, toner e cartucce per stampanti) ed è stata definita per ciascun comune una graduatoria sulla base dei diversi cicli scolastici frequentati.

A Faenza sono state raccolte 11,7 tonnellate di carta e tetrapak e 5,7 tonnellate di plastica e lattine. Questa la classifica delle scuole più riciclone di Faenza: al primo posto l’Istituto infanzia Sacro Cuore, che si è aggiudicato il primo premio, un buono del valore di 350 euro per l’acquisto di materiale didattico; al secondo l’Istituto comprensivo “Domenico Matteucci” che ha vinto un buono del valore di 250 euro per l’acquisto di materiale didattico; al terzo l’Istituto Itip Bucci, che è stato premiato con un buono del valore di 200 Euro per l’acquisto di materiale didattico; e al quarto l’Istituto Comprensivo Europa, che vince un buono del valore di 100 Euro per l’acquisto di materiale didattico.

A Riolo Terme le oltre 70 classi coinvolte hanno raccolto 327 sacchi di carta e cartone che corrispondono a  oltre una tonnellata e mezzo di materiale avviato a recupero e i vincitori sono stati premiati da Federica Malavolti, Vice Sindaco e Assessore alle politiche ambientali. Il primo premio, un buono del valore di 300 euro per l’acquisto di materiale didattico, è andato alla Scuola Infanzia San Giuseppe. Il secondo premio, una fornitura di carta riciclata, è stato vinto dalla Scuola d'Infanzia IC Pascoli. Il terzo premio, una fornitura di cartucce riciclate per fotocopiatori e stampanti, è andato alla Scuola Primaria IC Pascoli ex equo conl'Asilo Nido Peter Pan.

A Solarolo il progetto di raccolta differenziata promosso da Hera coinvolge la scuola elementare “Pezzani” e la scuola media “Ungaretti”. Quest’anno, per la prima volta, ha vinto la scuola media Ungaretti, che si era sempre aggiudicata il secondo posto nelle scorse edizioni, premiata dal Vice Sindaco Stefano Briccolani. I ragazzi e le ragazze della scuola media hanno vinto il premio messo in palio da Hera, un buono del valore di 200 euro per l’acquisto di materiale didattico.  Tutte le scuole complessivamente coinvolte nei comuni hanno dimostrato una buona partecipazione, frutto dell’impegno degli insegnanti, che stimolano i ragazzi a praticare la raccolta differenziata, dei ragazzi stessi che, in questo modo, diventano sempre più responsabili dell’ambiente che li circonda, e degli operatori scolastici.

“Portare avanti questo progetto – spiega Alberto Campri, Responsabile Hera esercizio ambiente Faenza e comprensorio faentino – è molto importante per noi perché riteniamo fondamentale un’attività costante di informazione e sensibilizzazione dei cittadini, anche dei più piccoli, per diffondere sempre più una cultura di sostenibilità e sensibilità ambientale”.  “Far diventare azione "normale", abitudine, consuetudine, la raccolta differenziata è un 'operazione molto complessa  ma doverosa – commenta l’assessore all’ambiente Antonio Bandini -. Lo possiamo fare solamente coinvolgendo attivamente le nostre scuole e i nostri ragazzi: diventare adulti consapevoli significa anche sviluppare appieno una coscienza ambientale. Siamo sulla buona strada”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento