menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La famiglia si allarga: come dichiarare la nascita di un bambino

Tutte le modalità e i tempi per dichiarare la nascita di un neonato, i documenti da presentare e alcuni casi speciali

La nascita di un bambino è un regalo speciale, uno degli eventi più lieti nella vita. La famiglia si allarga e, mentre si pensa a piazzare un fiocco rosa o azzurro sulla porta, non va dimenticata la dichiarazione di nascita: si tratta di una procedura obbligatoria, ma anche molto veloce che permette l'iscrizione del nuovo nato nel registro comunale dello stato civile.

Dove e quando va fatta la dichiarazione di nascita?

La dichiarazione di nascita può essere fatta presso:

  • l'ospedale o la casa di cura dove è avvenuta la nascita ed è ricevuta dal direttore sanitario o da persona da lui delegata
  • il Comune nel cui territorio è avvenuta la nascita
  • il Comune di residenza dei genitori, se diverso da quello di nascita
  • il Comune di residenza della madre, se diverso da quello di nascita, quando i genitori hanno residenze differenti

Per il caso di dichiarazione ricevuta presso un ospedale o casa di cura, il direttore sanitario ha l'obbligo di trasmettere la dichiarazione, entro 10 giorni dalla sua ricezione, all'ufficiale di stato civile del Comune di residenza dei genitori del nuovo nato o, nel caso che questi abbiano residenze diverse, del Comune di residenza della madre.

La dichiarazione di nascita può essere effettuata: entro 3 giorni al Direttore sanitario della struttura dove è avvenuta la nascita, oppure entro 10 giorni all’Ufficio di Stato Civile del Comune di nascita o di residenza di uno dei genitori.

Come effettuare la denuncia di nascita?

In entrambi i casi la dichiarazione è resa da uno solo dei genitori, o loro delegato, se coniugati; personalmente da entrambi i genitori se non coniugati; un medico, ostetrica o qualsiasi persona che abbia assistito al parto.
Chi fa la dichiarazione deve sempre rispettare l'eventuale volonta' della madre di non essere nominata.

Genitori non sposati

Se i genitori del bambino non sono sposati, l’atto di nascita dovrà contenere anche il riconoscimento di filiazione naturale: per questo è necessaria la presenza di entrambi i genitori.

Madri non nominate

Se la madre non vuole essere nominata, la denuncia verrà effettuata dal medico o dall'ostetrica che ha assistito al parto. Il cognome e il nome del bambino saranno assegnati dall'Ufficiale di stato civile che redige l'atto.

Cosa occorre presentare per la denuncia di nascita?

Ecco i documenti necessari da presentare per la denuncia di nascita:

  • documento di identità (in corso di validità) di un genitore o di chi presenta la dichiarazione/ documento di identità di entrambi i genitori se non coniugati;
  • attestato di nascita rilasciato dall’ospedale.

Il servizio è gratuito.

Anagrafe e Stato Civile a Ravenna

Indirizzo: Viale Berlinguer 68 - 48124 Ravenna
Telefono 0544 482274, 482286, 485509, 482229
Orari: Dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 13. In orario pomeridiano lo Stato Civile riceve solo per appuntamento. Sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.30 solamente per denunce di nascita e morte.
E-mail: statocivile@comune.ravenna.it
Fax: 0544 482870

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento