menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asili nido comunali: quali sono i requisiti per l'ammissione?

Vediamo quali sono i requisiti per l'accettazione della domanda d'iscrizione agli asili nido del Comune di Ravenna

Tra i primi pensieri dei neogenitori c'è quello di trovare un asilo nido per il proprio bimbo. Gli asilo nido o nidi d'infanzia sono infatti quelle strutture educative rivolte ai bambini di età compresa fra i 3 mesi e i 3 anni e precedono l'ingresso alla scuola dell'infanzia (o materna). Nel territorio di Ravenna sono presenti diversi asili nido, sia privati che comunali. Per accedere ai primi bisogna rivolgersi direttamente alle strutture, mentre per i nidi comunali bisogna entrare in una graduatoria di ammissione. Ma quali sono i requisiti per accedere agli asili nido del Comune di Ravenna?

Il bando annuale, che viene pubblicato indicativamente fra marzo e aprile, stabilisce l’apertura delle iscrizioni ai nidi d’infanzia comunali, convenzionati e allo spazio bimbi nonché le modalità per la presentazione delle domande.

Le domande di iscrizione pervenute in tempo utile sono collocate in tre distinte graduatorie: lattanti, semidivezzi e divezzi, (hanno la precedenza i bambini che hanno almeno un genitore residente nel Comune di Ravenna).

La graduatoria e i criteri

L’ordine di graduatoria è definito come segue: a ciascuna domanda è assegnata l’eventuale fascia di precedenza (vedi di seguito); le domande appartenenti alla stessa fascia sono poi ordinate per punteggio. Infine sono collocate, ordinate per punteggio, le domande alle quali non è attribuita alcuna fascia di precedenza. Se alla stessa domanda possono essere assegnate più fasce di precedenza, viene attribuita quella più favorevole.

Uno dei criteri fondamentali è l'Isee. Infatti, in caso di parità di fascia e di punteggio sarà data la precedenza al bambino il cui genitore ha dichiarato, contestualmente alla domanda d’iscrizione, il valore Isee inferiore. Se il confronto avviene fra una situazione con Isee e una senza Isee precede quella con Isee dichiarata. Nel caso di ulteriore parità (valori Isee identici o assenza di autocertificazione Isee per entrambi) precede il bambino di età più alta. In caso di ulteriore parità si procede con sorteggio effettuato dal sistema informatico.

Non bisogna dimenticare, inoltre, che l'assolvimento dell'obbligo vaccinale costituisce un requisito d'accesso al nido d'infanzia.

Le fasce di precedenza e i punteggi attribuibili sono esplicitati nel bando annuale. Gli elenchi sono pubblicati per quindici giorni per consentire agli interessati di verificare l’esattezza delle sedi richieste, del punteggio assegnato e dell’eventuale fascia attribuita. Qualora si riscontrino difformità con quanto dichiarato si potrà presentare ricorso alla Commissione Nidi e Scuole dell’Infanzia nei tempi stabiliti dal bando.
I posti disponibili sono assegnati per scorrimento sulla base delle graduatorie definitive di ammissione, che vengono pubblicate per 15 giorni.

Attenzione: non viene inviata nessuna comunicazione scritta in merito all’ammissione. Il bando stabilisce anche i termini e le modalità entro cui i genitori devono accettare il posto per iscritto.
L’ammissione al nido d’infanzia è tacitamente confermata per le annualità successive fino al compimento dell’intero ciclo.

Le fasce di precedenza

Per l'anno 2019/2020 sono state attribuite le seguenti fasce di precedenza:
1. “bambino con bisogni speciali” (handicap accertato da parte dell’Azienda Unità Sanitaria Locale)
2. disagio socio familiare o gravi difficoltà nello svolgimento dei compiti di assistenza, cura ed educazione (compresa
l'assenza affettiva ed economica di uno dei due genitori)
3. presenza nel nucleo familiare di un genitore o un fratello, convivente con il bambino, con handicap accertato da
parte dell’Azienda Unità Sanitaria Locale
4. bambino orfano o figlio naturale riconosciuto da un solo genitore che vive in un nucleo familiare anagrafico e di
fatto senza altri adulti di riferimento oltre al genitore stesso
5. bambino con fratello che già frequenta il nido comunale e ha chiesto la riconferma per lo stesso anno scolastico
al quale si riferisce la nuova iscrizione, oppure con domanda d’iscrizione presentata contestualmente per due o più fratelli
6. bambino che frequenta un nido o un servizio educativo per l’infanzia che prevede continuità nella frequenza e
affido del minore.

Modalità di presentazione della domanda

Possono presentare domanda i genitori (esercenti la responsabilità genitoriale/affidatari) dei bambini in età adeguata (3 mesi - 3 anni). Nei tempi di apertura del bando, l’iscrizione al nido d’infanzia comunale avviene esclusivamente in modalità on-line accedendo al sito internet www.istruzioneinfanzia.ra.it - nella sezione “Iscrizioni on- line”. La procedura on-line è corredata da spiegazioni e guide che accompagnano le famiglie nel percorso per l’iscrizione.

Domande fuori termine

Il bando stabilisce anche i termini e le modalità di presentazione delle domande fuori termine. Le domande presentate in questo periodo vengono inserite in tre distinte graduatorie di riserva (lattanti, semidivezzi, divezzi) utilizzate solo in caso di esaurimento di quelle ordinarie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: esiste davvero il giorno più triste dell'anno?

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Utenze

Chiedere la rettifica della bolletta, come e quando si può fare

Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento