Come fare domanda per le borse di studio provinciali e regionali

Dove controllare l'uscita dei bandi e come scoprire i requisiti per accedere alle agevolazioni

Garantire il diritto allo studio è uno dei presupposti fondamentali per una società che tiene all'istruzione e allo sviluppo culturale dei suoi giovani. Vediamo quali sono le borse di studio provinciali e regionali a disposizione degli studenti ravennati e come si deve presentare la domanda.

Le residenze universitarie a Ravenna

Borse di studio finanziate dalla Regione

Le borse di studio finanziate dalla Regione sono destinate a studenti che frequentano il primo e secondo anno delle scuole superiori, e il secondo e terzo anno di Istruzione e Formazione Professionale presso un organismo di formazione professionale accreditato per l’obbligo di istruzione che opera nel Sistema regionale IeFP. Sono 4.661 le borse di importo pari a 181 euro e 4.213 quelle con un importo di 227 euro, riservate a studenti che hanno conseguito una media dei voti uguale o superiore al sette e a studenti in situazione di handicap. La Regione sta provvedendo in questi giorni al trasferimento delle risorse alle Province/Città Metropolitana di Bologna, che erogheranno i benefici alle famiglie.

Borse di studio finanziate dalla provincia di Ravenna

Per usufruire delle borse di studio finanziate dalla provincia di Ravenna occorre controllare l'apposita sezione Bandi della Provincia. Qui si trovano tutti i bandi emessi, compresi quelli regionali e ministeriali, e si possono controllare destinatari e requisiti d'ammissione. Negli scorsi anni accademici le domande dovevano essere presentate on line utilizzando l'applicativo predisposto da Er.go.

Borse di studio finanziate dal Ministero dell'Istruzione

Le borse di studio finanziate dal Ministero dell’Istruzione sono destinate a studenti iscritti all’ultimo triennio delle scuole superiori. Sono 7.007 i beneficiari della borsa, che ha un importo di 299,50 euro. L’elenco dei beneficiari sarà tempestivamente inviato dalla Regione al Ministero dell’Istruzione, che stabilirà la data a partire dalla quale si potranno riscuotere i benefici e le relative modalità di riscossione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento