Scuole d'infanzia a Ravenna: al via le iscrizioni per il 2012-2013

Apriranno il 17 gennaio le iscrizioni per l'anno scolastico 2012/2013 alle 22 scuole comunali dell'infanzia di Ravenna che comprendono i bambini nati negli anni 2007, 2008 e 2009. La scadenza per presentare le domande è fissata per il 3 febbraio.

Apriranno il 17 gennaio le iscrizioni per l'anno scolastico 2012/2013 alle 22 scuole comunali dell’infanzia di Ravenna che comprendono i bambini nati negli anni 2007, 2008 e 2009. La scadenza per presentare le domande è fissata per il 3 febbraio.

Quanto costa? La frequenza alla scuola comunale dell’infanzia comporta il pagamento di una retta mensile per i 10 mesi di durata nell’anno
scolastico
. Nello specifico la famiglia partecipa al costo del servizio attraverso una quota mensile fissa (€10,00) che va sempre corrisposta in caso di Isee superiore a € 3.000,00. Andrà inoltre corrisposta da parte delle famiglie una quota mensile relativa al servizio di ristorazione scolastica (mensa), modulata sull’Isee del nucleo familiare del bambino. Qualora il nucleo familiare del bambino versi in una situazione d’indigenza o di grave disagio socio-economico può essere richiesto l’esonero all’Azienda Servizi alla Persona, che delibera in merito.

Sono previsti alcuni sconti/gratuità nei seguenti casi:

1. la famiglia che ha in essere un mutuo per l’acquisto della prima casa può chiedere l’abbattimento del 10% del valore Isee e pagare la retta conseguente;
2. nel caso di più fratelli iscritti ai diversi servizi educativi/scolastici, al maggiore è applicata la retta intera, agli altri fratelli è applicata, su richiesta, la retta decurtata di uno sconto pari al 10%;
3. gratuità a partire dal 4° figlio in poi nel caso in cui tutti i figli siano iscritti contemporaneamente ad almeno uno dei servizi scolastici (mensa, pre-post scuola, trasporto);
4. gratuità per i bambini in affido familiare e in affido a strutture socio-assistenziali pubbliche e private convenzionate;
5. riduzione del 20% nel mese di settembre e 20% nel mese di dicembre (vacanze natalizie);
6. abbattimento su richiesta da parte delle famiglie del 25% della retta a fronte di assenze superiori a 15 giorni effettivi in un mese.

Le rette in base alle fasce Isee sono le seguenti:

da € 0 a € 3.000,00 € Esonero
da € 3.000,01 a € 6.000,00 € 45,00
da € 6.000,01 a € 12.500,00 € 65,00
da € 12.500,01 a € 21.000,00 € 80,00
da € 21.000,01 a € 26.000,00 € 100,00
da € 26.000,01 a € 35.000,00 € 125,00
da € 35.000,01 e per chi non presenta Isee € 134,00

Rappresenta titolo di precedenza rispetto ai genitori residenti in altri comuni il requisito della residenza nel Comune di Ravenna di almeno un genitore. Sono equiparati ai residenti i genitori e i loro figli non residenti nel Comune di Ravenna, che hanno presentato richiesta di residenza entro il giorno antecedente la data di apertura del bando e i “bambini con bisogni speciali” (handicap o malattie croniche certificate) o in situazione di disagio socio familiare certificato dal Consorzio dei Servizi Sociali o enti competenti o che compiono 5 anni entro il 31 dicembre dell’anno scolastico di riferimento.

Come presentare la domanda? La domanda di iscrizione va redatta esclusivamente sul modello predisposto dal Servizio competente e deve contenere tutte le informazioni, dichiarazioni, dati necessari alla formulazione della graduatoria. La domanda va sottoscritta dal richiedente che assume ogni responsabilità circa le dichiarazioni rese. Nella domanda di iscrizione possono essere indicate una o più scuole in ordine di priorità, senza limiti rispetto al numero di opzioni.

Per le domande di iscrizione alle scuole comunali, i moduli sono scaricabili da Internet all’indirizzo www.istruzioneinfanzia.ra.it (Notizie – Iscrizioni alle scuole dell’infanzia comunali a. s. 2012/2013) oppure si possono trovare all’Urp (via Da Polente 4, tel. 0544.482482) o nelle sedi degli uffici decentrati del Comune.

Dal sito www.istruzioneinfanzia.ra.it è possibile anche effettuare l’iscrizione in modalità on line; sfruttando questa opportunità i cittadini potranno evitare spostamenti e lunghe attese. In alternativa il modulo va consegnato all’Urp (via Da Polenta 4, tel. 0544.482482) dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30, il martedì e il giovedì anche dalle 14.30 alle 16.30, oppure inviato tramite fax allo 0544.546018.

In base alle domande ricevute verranno redatte delle graduatorie che saranno strutturate secondo fasce di precedenza all'interno delle quali le domande sono ordinate in base al punteggio. Sono attribuite fasce di precedenza e punteggi alle domande d’iscrizione dei bambini secondo i seguenti criteri o condizioni di particolare complessità:

a) “bambini con bisogni speciali” (handicap o malattie croniche certificate);
b) disagio sociofamiliare certificato;
c) composizione del nucleo familiare;
d) maggiore età dei bambini;
e) continuità educativa;
f) situazione occupazionale dei genitori.

I posti disponibili sono assegnati per scorrimento seguendo l'ordine della graduatoria; la graduatoria di ammissione è pubblicata presso il Servizio Scuole per l’Infanzia, presso le circoscrizioni comunali, presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico e in internet secondo le scadenze previste dal bando. I genitori devono accettare il posto per iscritto entro i termini stabiliti dal bando.

Per chi arriva in ritardo presentanto la domanda fuori termine, tali richieste saranno inserite in una graduatoria di riserva. Le domande relative a “bambini con bisogni speciali” (handicap o malattie croniche certificate) e disagio socio familiare certificato, anche se presentate fuori termine ed indipendentemente dalla residenza, hanno diritto di precedenza sulle domande presentate nei termini, compatibilmente con i posti disponibili.

Rispetto alle attribuzioni dei punteggi, si è deciso di restringere la definizione di famiglia monogenitoriale ai seguenti casi: vedovanza, non riconoscimento da parte di un genitore, divorzio o separazione legale. Il doppio punteggio riconosciuto alle famiglie monogenitoriali relativamente alla situazione occupazionale dell’unico genitore presente sarà dunque attribuito solo in questi casi (nei casi di genitori non sposati e con due residenze diverse che di fatto convivono si riconosce il punteggio relativo al lavoro di entrambi i genitori, anche se con residenze anagrafiche diverse).

Le famiglie che necessitano di informazioni in lingua straniera possono rivolgersi agli operatori della Casa delle Culture (piazza Medaglie d’Oro 4, tel. 0544.591876) dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13.

Inoltre, sulla scorta di quanto già avvenuto negli ultimi anni, continueranno i controlli a campione, o in caso di ragionevoli dubbi, sulla veridicità delle autocertificazioni rilasciate all’atto dell’iscrizione. I controlli sono effettuati direttamente dal Servizio nidi e scuole dell’infanzia oppure avvalendosi della collaborazione di altri uffici ed enti quali la Guardia di Finanza. Qualora dai controlli effettuati emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni, il dichiarante perde i benefici acquisiti con conseguente decadenza del posto assegnato e collocazione in fondo alla graduatoria e/o pagamento della tariffa massima e recupero degli eventuali arretrati. Incorre, inoltre, nelle sanzioni penali previste per le false
dichiarazioni in materia di autocertificazione.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento