La fascia costiera resta ancora in allerta. E all'orizzonte nuove piogge

Anche le costa resta sorvegliata speciale, con un'allerta per "criticità costiera" definita anche tenendo conto dello stato di vulnerabilità in cui versa il litorale

Le piogge hanno concesso una breve tregua, ma nelle prossime ore torneranno ad aprirsi gli ombrelli. La Protezione Civile dell'Emilia Romagna ha diramato una nuova allerta meteo "gialla" per "piene dei fiumi" e "frane". Anche le costa resta sorvegliata speciale, con un'allerta per "criticità costiera" definita anche tenendo conto dello stato di vulnerabilità in cui versa il litorale. Allerta che diventa arancione per l'entroterra al confine tra il ravennate e bolognese, dove sono previsti tra i 20 e 35 millimetri di pioggia. Allerta "rossa" in Bassa Romagna, determinata dal passaggio della piena del fiume Reno e delle criticità che si stanno verificando in queste ore nelle zone a monte della Bassa Romagna. Attualmente le piene stanno defluendo in modo regolare e non si evidenziano situazioni di criticità degli affluenti del Reno che attraversano il territorio. I Centri Operativi Comunali (COC) resteranno attivi fino a domani e resta alta l’attenzione, anche in vista del nuovo peggioramento del tempo. Eventuali aggiornamenti saranno pubblicati tempestivamente nei siti istituzionali dei Comuni e dell’Unione e sulle relative pagine Facebook.

In particolare, martedì si prevede "cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni estese ed in genere di moderata intensità, con isolati rovesci, sul settore emiliano, deboli ed in forma più isolata su quello romagnolo; dal pomeriggio tendenza ad attenuazione dei fenomeni che tenderanno a concentrarsi sulla parte più occidentale della regione". Le temperature oscilleranno tra 10 e 12°C, mentre la ventilazione sarà dai quadranti orientali. Anche mercoledì non si escludono isolate precipitazioni, specie al mattino. Le temperature non subiranno particolari variazioni di rilievo.  A seguire, informa il servizio meterologico dell'Arpae, "giovedì e venerdì la nostra regione continuerà ad essere esposta a flussi di aria umida provenienti dal Mediterraneo Occidentale con precipitazioni che interesseranno principalmente il settore appenninico, mentre i fenomeni saranno più deboli o poco probabili sulle aree di pianura. Sabato e domenica la formazione di un minimo depressionario tra Sardegna e Sicilia potrebbe richiamare sul nostro territorio correnti umide dal Mar Adriatico responsabili di precipitazioni più estese. Le temperature non subiranno significative variazioni con valori massimi per lo più compresi tra 12°C e 15°C sui principali centri urbani".

La tregua concessa dal tempo nelle ultime ore ha consentito al Comune di procedere con i lavori di reintegro degli argini esistenti a Lido di Classe e a Lido di Savio. Per quanto riguarda la viabilità è stata riaperta a Marina di Ravenna la via Molo Dalmazia. Per quanto riguarda i sottopassi rimane chiuso, a scopo precauzionale, quello di via Ravegnana (altezza ponte Assi) in sinistra idraulica del fiume Montone mentre è già stato riaperto il sottopasso di Madonna dell'Albero sotto la statale 16 in destra idraulica del Ronco. Anche se la situazione è migliorata, le strutture preposte, a partire dalla Protezione civile e dalla Polizia locale, stanno continuando a tenere monitorata la situazione su tutto il territorio, sia per quanto riguarda il livello dei fiumi che lungo il litorale, e sono pronte a intervenire in caso di necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trema la terra poco dopo le 18, scossa di terremoto nel ravennate

  • Terremoto nella notte, una nuova scossa fa tremare la terra

  • Travolto da un'auto mentre va a scuola in bici: 13enne in ospedale

  • Una giovane vita spezzata troppo presto: tanta commozione ai funerali di Lorenzo Forte

  • Torna il corso per diventare balia di gattini

  • Trova un portafogli pieno di soldi e lo restituisce all'anziano: "La mia religione mi impone di essere onesto"

Torna su
RavennaToday è in caricamento