menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meteo estremo, dal caldo anomalo al colpo di coda dell'inverno. Si rivedrà la neve

Un blocco di aria molto fredda di matrice artica irromperà sulla Romagna, causando una decisa diminuzione delle temperature, dapprima nei valori massimi, ma in seguito anche in quelli minimi

Raffiche di vento, mare agitato e persino la neve in collino. E' atteso nella giornata di martedì un brusco cambiamento delle condizioni atmosferiche. Un blocco di aria molto fredda di matrice artica irromperà sulla Romagna, causando una decisa diminuzione delle temperature, dapprima nei valori massimi, ma in seguito anche in quelli minimi. Tornerà per qualche ora persino la neve, con i fiocchi che potranno spingere localmente fin a quote di bassa collina.

La Protezione Civile dell'Emilia Romagna ha diramato un'allerta neve per l'entroterra, vento, stato del mare (arancione) e criticità costiera. Si legge nell'avviso: "A partire dalle prime ore del mattino di martedì si prevede un’intensificazione repentina del vento di bora, al livello di burrasca forte sul mare e lungo la fascia costiera, moderato altrove ma con raffiche forti sull’Appennino. Il mare diventerà agitato. La ventilazione si attenuerà dal primo pomeriggio. Si prevedono nevicate sui rilievi al di sopra dei 400/500 metri, di debole intensità, temporaneamente moderata, sull’Appennino romagnolo. Si prevede inoltre che l'altezza dell'onda possa raggiungere valori prossimi alla soglia, non potendosi escludere fenomeni erosivi lungo la costa". 

La colonnina di mercurio picchierà verso il basso, con le temperature minime comprese tra 6 e 9 gradi e le massime intorno agli 11°C, con valori più bassi durante il picco di precipitazione. La ventilazione si disporrà da est-nord-est, con intensità moderata o forte lungo la fascia costiera, la Romagna e Appennino centro-orientale. Il mare avrà un rapido aumento del moto ondoso a partire da nord, con mare al mattino da molto mosso ad agitato. Nel pomeriggio molto mosso sotto costa e temporaneamente agitato al largo in graduale e lenta attenuazione.

Mercoledì è prevista al mattino nuvolosità estesa, con possibilità di deboli nevicate sui rilievi romagnoli anche a quote basse. Non si esclude qualche debole precipitazione anche sulle pianure centro-orientali. Nel corso della giornata ampi rasserenamenti a partire dal settore occidentale in estensione al restante territorio. Le temperature minime sono previste in sensibile diminuzione, con valori tra 1 e 4 gradi, localmente inferiori in aperta campagna, mentre le massime tra 10 e 14 gradi. I venti soffieranno in prevalenza deboli tra ovest e nord-ovest, con locali e temporanei rinforzi sul crinale appenninico centro-occidentale. Il mare sarà inizialmente mosso con moto ondoso in progressiva attenuazione.

Giovedì sono attese condizioni di tempo stabile, ma con temperature ancora inferiori alle medie del periodo, con le minime che potranno raggiungere valori prossimi a zero gradi. "Da venerdì l'instaurarsi di correnti atlantiche più temperate porterà ad un aumento dei valori termici, seppure con tendenza ad aumento della nuvolosità", informa l'Arpae.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento