Marina di Ravenna "imbiancata" dalla neve chimica: ecco che cos'è

Oltre al magico effetto galaverna, che ha allietato il risveglio di molti abitanti della provincia, a sorprendere i residenti di Marina di Ravenna ci ha pensato anche la "neve chimica"

Oltre al magico effetto galaverna, che ha allietato il risveglio di molti abitanti della provincia - in particolar modo nel lughese - a sorprendere i residenti di Marina di Ravenna ci ha pensato anche la "neve chimica".

La "neve chimica" è un fenomeno atmosferico che si verifica solo in presenza di alti tassi d’umidità, temperature inferiori allo zero e nei pressi di presidi industriali che emettono nell'aria polveri sottili come ossido di carbonio, biossido d’azoto, biossido di zolfo o pm10. Le goccioline d’acqua sospese in atmosfera, all’interno della nebbia, tendono a legarsi alle particelle emesse dalle industrie che fungono da nuclei di condensazione, formando veri e propri fiocchi di neve che poi precipitano al suolo e imbiancano il paesaggio.

Gelido risveglio: la nebbia regala la magia dell'effetto galaverna

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Tommaso Sintini, ex pallavolista e veterinario: "Una bontà fuori dal comune"

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Gruppo multato sul Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto, continueremo a incontrarci"

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Parrucchieri, estetisti, gommisti fuori dal proprio Comune: si possono raggiungere?

Torna su
RavennaToday è in caricamento