Obbligo gomme invernali: perché è importante prenotare il cambio gomme?

Un'operazione saggia per evitare brutte sorprese è recarsi in anticipo dal gommista e richiedere un appuntamento per cambiare gli pneumatici

A partire dal 15 novembre sarà in vigore l'obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali sulle strade statali maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio. Circolare su tali strade sprovvisti i gomme adatte o catene da neve può costare caro all'automobilista incauto. Infatti sono previsti sia multe pecuniarie che decurtazione di punti della patente. Per questo è importante prenotare il cambio gomme rivolgendosi a un gommista di fiducia.

Capita spesso, con il sopraggiungere della data obbligatoria di non trovare posto immediatamente per cambiare il treno di gomme estive con quelle invernali. Questo accade perché la maggior parte degli autombilisti aspetta la data obbligo prima di effettuare il cambio e ciò significa lunghe file dal gommista.

Un'operazione saggia, dunque, è quella di recarsi in anticipo dal vostro gommista di fiducia, richiedere un appuntamento per cambiare le gomme e, intanto, approfittarne per controllare la pressione dei pneumatici.

Obbligo gomme invernali: cosa si rischia

Ma cosa rischia un automobilista che dopo il 15 novembre circola senza gomme termiche e catene a bordo sulle strade dove è previsto l'obbligo? Ovviamente una sanzione amministrativa, che può essere anche molto salata. La multa minima nei centri abitati è di 41 euro, ma può arrivare fino 168 euro. Sulle autostrade e sulle strade extraurbane, principali o assimilate, la sanzione va da un minimo di 84 euro a un massimo di 335 euro. Nel caso in cui vengano accertate tali violazioni, l'automobilista non può proseguire la sua corsa senza aver adeguato il veicolo, altrimenti rischia oltre alla sanzione amministrativa anche la decurtazione di tre punti della patente.

Le strade con obbligo di pneumatici invernali

Sul tratto appenninico della strada statale 3bis `Tiberina` (E45) l'obbligo è in vigore dal 1 novembre tra gli svincoli di Canili (km 162,698) e Sarsina Nord (km 195,000) fino al 30 aprile.

Dal 15 novembre al 15 aprile 2019 l`obbligo riguarda:

- la strada statale 3bis “Tiberina” (E45): da Sarsina (FC) a Ravenna (dal km 195,000 al km 250,565);

- la strada statale 12 “dell`Abetone e del Brennero”: da Faidello (km 91,450) a Pozza di Maranello (km 164,000), e dal km 0 al km 2,200 della strada statale 12 Dir, in provincia di Modena;

- la strada statale 16 “Adriatica”: dallo svincolo A14dir/SS16 dir allo svincolo di Classe (dal km 147,860 al km 157,860);

- la strada statale 45 “di Val di Trebbia”: da Gorreto, nel Comune di Ottone (km 62,100) a Fabiano, nel comune di Rivergaro (km 116,000), in provincia di Piacenza;

- la strada statale 62 “della Cisa”: dal passo della Cisa (km 56,214) alla località La Salita di Fornovo di Taro (km 92,600), in provincia di Parma;

- la strada statale 63 “del Valico del Cerreto”: dal passo del Cerreto (km 35,691) alla località La Bettola (km 92,000) e dal km 0 al km 1,390 della statale 63 Var “Variante di Bocco”, in provincia di Reggio Emilia;

- la strada statale 64 “Porrettana”: da Ponte della Venturina (km 31,110) a Borgonuovo (km 75,500), dal km 0 al km 6,950 della statale 64 Var “Variante di Sasso Marconi” e dal km 0 al km 8,782 della statale 64 Var/A “di Gaggio Montano” in provincia di Bologna;

- la strada statale 67 “Tosco Romagnola”: da Osteria Nuova (km 142,269) a Castrocaro Terme (km 180,000), in provincia di Forlì Cesena e dallo svincolo di Classe allo svincolo di via Trieste (dal km 217,277 al km 226,200);

- la strada statale 309 Dir “Romea”: intero tratto dalla zona industriale nord di Ravenna (rotatoria località Bassette) allo svincolo A14dir - SS16.

L'obbligo è segnalato su strada tramite apposita segnaletica verticale, ha validità anche al di fuori dei periodi indicati in caso di condizioni meteorologiche caratterizzate da precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio e riguarda tutti i veicoli a motore, ad esclusione di ciclomotori e motocicli. L'ordinanza è emanata nel rispetto delle vigenti norme che disciplinano la circolazione stradale (Codice della Strada).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Dopo 21 anni il titolare della storica pizzeria è sconsolato: "Ravenna sta morendo"

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Spaccata all'Unieuro: suv ariete per abbattere la saracinesca, razzia di pc e smartphone

Torna su
RavennaToday è in caricamento