menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Cervia si costituisce un tavolo di confronto permanente sulla non-violenza

Il Consiglio comunale di Cervia ha approvato all'unanimità un ordine del giorno, presentato dal Pd, per chiedere la costituzione di un tavolo di confronto permanente sulla non violenza

Il Consiglio comunale di Cervia ha approvato all'unanimità un ordine del giorno, presentato dal Pd, per chiedere la costituzione di un tavolo di confronto permanente sulla non violenza. Nell'ordine si chiede a sindaco e giunta "di impegnarsi nella costituzione di un tavolo di confronto permanente sulla non violenza per far sì che i comportamenti sopra citati non vengano sottovalutati e, qualora si venissero a creare situazioni di quel tipo, si possa intervenire per tutelare la persona vittima di violenza; impegnarsi, sempre attraverso il tavolo di confronto permanente sulla non violenza, a creare progetti per sensibilizzare la città in modo di creare una comunità sempre più responsabile delle opinioni espresse nei confronti delle persone".

"La recentissima vicenda che ha coinvolto la Senatrice Liliana Segre, sopravissuta ai campi di concentramento e donna simbolo contro il razzismo, fa parte purtroppo di una dilagante espressione di violenza, di odio e di conclamato antisemitismo - spiega l'assessore alla pace Michela Brunelli - Si tratta di episodi che non riguardano solo il nostro paese, ma anche altre nazioni europee e che stanno aumentando in modo preoccupante. Da qualche tempo sta venendo avanti un’onda razzista che si manifesta in vari luoghi: in feste, in stadi, in sedi istituzionali, con parole, dimostrazioni e gesti inqualificabili, sintomo di un clima di violenza e di odio, che purtroppo viene alimentato anche da alcune organizzazioni, quando invece andrebbe contrastato in tutti i modi, come vera piaga etica e sociale. Anche se nella nostra città non si sono verificati atti di razzismo conclamato o episodi di intolleranza razziale, ritengo che non possiamo sentirci al sicuro ed esentati dall’agire a tutela dei diritti umani e dei valori su cui si fonda una vita sociale libera e serena".

"Sono particolarmente contenta e ringrazio fortemente le forze politiche per aver votato tutte a favore questo ordine del giorno proposto dal consigliere Michele Mazzotti del Partito Democratico - conclude l'assessore - Cervia è una realtà che affonda le sue radici nel rispetto delle persone, nell’accoglienza, nell’integrazione, e in questo ha sempre creduto, realizzando progetti, sostenendo associazioni, mettendo a disposizione strutture e luoghi in cui le culture si possano confrontare, e chi ha necessità possa trovare un riferimento. L’approvazione all’unanimità di questo ordine del giorno è la testimonianza che le istituzioni e la nostra città hanno radici profonde nel principio della nonviolenza, a tutela dei diritti umani e dei valori su cui si fonda una vita sociale libera e serena".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento