rotate-mobile
Politica Alfonsine

"Ad Alfonsine nessuna intitolazione ai caduti civili della II Guerra Mondiale"

Alfonsine tra il dicembre 1944 e il 10 Aprile 1945, giorno della sua liberazione, fu teatro di sanguinosi scontri tra tedeschi, alleati e partigiani.

Alfonsine "è l’unico comune della provincia di Ravenna che non ha ancora raccolto l’invito dell’Associazione di ricordare le vittime civili di guerra  intitolando loro una strada, una sala o qualsiasi altro luogo". Lo sottolineano Aldino Silvano Pasquali e Laura Beltrami, rispettivamente segretario comunale e capogruppo consiliare del Pri di Alfonsine.

"Il rammarico del presidente provinciale dell’Associazione Vittime Civili di Guerra, Andrea Cassani, si estrinseca all’indomani della pubblicazione della delibera di Giunta Comunale n°64/2013 con cui vengono rese note le nuove intitolazioni di strade, rotonde e spazi verdi a personaggi di risonanza mondiale, nazionale e locale, tralasciando ancora una volta le vittime civili di guerra nella loro totalità" continuano gli esponenti repubblicani.

Alfonsine tra il dicembre 1944 e il 10 Aprile 1945, giorno della sua liberazione, fu teatro di sanguinosi scontri tra tedeschi, alleati e partigiani. La popolazione alfonsinese visse la terribile esperienza del paese posto sulla linea del fronte di guerra situato lungo il percorso del fiume Senio.
Con la “Battaglia del Senio” si concluse la guerra in Romagna e, dopo quindici giorni, il 25 Aprile, l’Italia tutta fu liberata. Alfonsine, liberata il 10 Aprile dalle forze partigiane della Brigata  Cremona, è uno dei pochi comuni della provincia di Ravenna decorato con medaglia d’Argento al valor civile ad onorare le 380 vittime civili di cui 39 ragazzi.

I Repubblicani di Alfonsine, conclusono Pasquali e Beltrami, "non possono ignorare il rammarico di Andrea Cassani ed auspicano che per il prossimo 10 Aprile 2014, anno in cui verranno ricordati anche i 200 anni di fondazione del comune di Alfonsine ed i 100 anni di un’altra tragica guerra, la Prima guerra mondiale, si possa inaugurare una stele o intitolare una nuova via nella campagna circostante la via Puglie, punto storico, rifugio di partigiani e sfollati. Sindaco e vice Sindaco da noi interpellati in proposito qualche tempo fa, hanno espresso questa volontà senza però indicare il “quando”. Ci auguriamo che il nostro suggerimento relativo al prossimo 10 aprile 2014 venga colto per rendere giustizia alle Vittime Civili di Guerra".
                                                               

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ad Alfonsine nessuna intitolazione ai caduti civili della II Guerra Mondiale"

RavennaToday è in caricamento