Politica

"Ad ogni acquazzone il quartiere San Michele finisce sott'acqua": LpRa sollecita interventi

E' quanto evidenzia Lista per Ravenna, che sollecita attraverso un’interrogazione della propria rappresentanza in Consiglio comunale il sindaco Michele De Pascale ad un intervento

"Ad ogni acquazzone, la viabilità del quartiere di San Michele (243 famiglie, 560 abitanti) - incentrato sulle vie Mantegna e Tiepolo, strade di collegamento tra l’ampia zona urbanizzata realizzata tra gli anni 70 e 80 e la strada provinciale Faentina che attraversa il paese - è tormentata da allagamenti". E' quanto evidenzia Lista per Ravenna, che sollecita attraverso un’interrogazione della propria rappresentanza in Consiglio comunale il sindaco Michele De Pascale ad un intervento.

"Il punto nevralgico è collocato nei tratti prossimi all’incrocio tra queste due arterie - viene spiegato -. Ne derivano pericoli costanti alla circolazione dei mezzi di trasporto e delle persone, nonché inondazioni dei seminterrati abitativi, per quanto il sistema fognario della lottizzazione privata, eseguito a regola d’arte, venga mantenuto efficiente con regolarità. È bastato lo scroscio dei giorni scorsi ad inquinare anche il Natale. A seguito di segnalazioni effettuate dal posto nel 2017 (vedi i due documenti allegati), le problematiche di tale situazione sono state messe a fuoco e verbalizzate dal servizio Strade del Comune di Ravenna, sulla base di un’accurata ispezione e successiva relazione tecnica effettuate da Hera, gestore del ciclo idrico dell’amministrazione comunale stessa. Riguardano, in poche parole, l’altezza del cordolo stradale, che in diversi punti non supera i 5-10 centimetri sul livello della pavimentazione viaria, in altri è addirittura inesistente, in altri dissestato e a rischio di inciamparvi, nonché la scarsità delle bocche di lupo da cui le acque piovane dovrebbero defluire, distanti l’una dall’altra finanche 30-35 metri. Evidente - si sostiene - la non conformità di tale stato alle normative urbanistiche disposte quando il nuovo quartiere fu lottizzato".

"Tra scarsa manutenzione e pulizia delle strade da polvere e fogliame, fognature intasate e bocche di lupo troppo rade, le inondazioni si susseguono da anni ad ogni pioggia forte, anche di minimo periodo - viene rimarcato -. Nessun rimedio è stato introdotto neppure, a distanza di due anni, dopo gli accertamenti del servizio Strade comunale di cui sopra. I residenti delle abitazioni più danneggiate sono costretti a passare ore per prosciugare e ripulire i propri locali allagati, subendo anche la svalutazione irreversibile dei propri beni. Serve - è stato detto - un pronunciamento del Consiglio territoriale di Piangipane, la cui area comprende San Michele, a cui dunque si è rivolto per iscritto il 9 agosto scorso un rappresentante del quartiere interessato.  Nel presente mese di dicembre, è stata interessata anche Lista per Ravenna, nella persona del suo consigliere territoriale Nicola Carnicella, vice-presidente del Consiglio di Piangipane stesso. Gli impegni che tale Lista mette di conseguenza in campo sono i seguenti: far sì, tramite il proprio gruppo territoriale, che l’istanza in questione sia discussa e fatta propria dal Consiglio di Piangipane; sollecitare un intervento del sindaco attraverso un’interrogazione della propria rappresentanza in Consiglio comunale, presentata".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ad ogni acquazzone il quartiere San Michele finisce sott'acqua": LpRa sollecita interventi

RavennaToday è in caricamento