Agricoltura bologica, la Lega: "Contributi pubblici sempre agli stessi"

Ne sono convinti i consiglieri regionali della Lega Nord, Andrea Liverani e Massimiliano Pompignoli, che hanno fatto propria la battaglia del "Tavolo Verde" della provincia di Ravenna

“I fondi per incentivare “l’attività agricola biologica e integrata” potrebbero essere una risorsa, per tante imprese agricole del territorio regionale. Peccato che le modalità di ripartizione degli stessi penalizza alcune aree e assegna sempre agli stessi i contributi”: ne sono convinti i consiglieri regionali della Lega Nord, Andrea Liverani e Massimiliano Pompignoli, che hanno fatto propria la battaglia del “Tavolo Verde” della provincia di Ravenna.

Dal quale, istituzioni e produttori avevano sollevato varie perplessità, in merito alla ripartizione dei fondi per questo progetto. «La delibera di Giunta, in cui vengono stanziati 8 milioni e 300mila euro per l’attività biologica e integrata – confermano Liverani e Pompignoli – prevede bandi unici di livello regionale e non la distribuzione su scala provinciale. Questo ha prodotto, nel tempo, una “zonizzazione” delle aree che beneficiano dei contributi, andando a premiare sempre i soliti, mentre altre zone (come il Ravennate) risultano penalizzate.»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il “Tavolo Verde”, come accennato, ha espresso lo scorso 14 aprile i propri dubbi. Anche perché sono diverse le imprese agricole che stanno investendo risorse proprie, senza essere certe di avere un ritorno sul piano contributivo, tra un mese, quando saranno definiti i bandi. «In questo modo – dicono Liverani e Pompignoli – il rischio è che i maggiori costi ricadano sui consumatori, creando squilibri rilevanti tra territori confinanti.» A giugno, i bandi saranno definiti. «Per questo – concludono dalla Ln – è quanto mai opportuno che la Regione riveda la ripartizione delle risorse, o su scala provinciale, oppure per quantitativi di produzione. Riequilibrando anche una situazione che, al momento, ha creato notevoli disparità tra imprese e territori confinanti.»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Coronavirus, la nuova fotografia dei contagiati: undici sono in isolamento domiciliare

  • Maxi festino nascosti in casa tra assembramenti e droga: 34 ragazzi nei guai

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento