Agricoltura, migliaia di posti di lavoro stagionali a rischio: "Servono subito aiuti"

Li chiede, con una interrogazione alla giunta regionale, il consigliere della Lega Andrea Liverani che denuncia "l’azzeramento della produzione di pesche, albicocche, susine e nettarine"

Aiuti urgenti per il comparto agricolo della Romagna, piegato dalle gelate straordinarie di marzo e aprile. Li chiede, con una interrogazione alla giunta regionale, il consigliere della Lega Andrea Liverani che denuncia "l’azzeramento della produzione di pesche, albicocche, susine e nettarine delle province romagnole con un danno stimato di 100 milioni di euro per la sola provincia di Ravenna e di 250 milioni di euro su tutto il territorio romagnolo".

Liverani ricorda che "nonostante la richiesta già presentata dalla Lega, la giunta non ha ancora riconosciuto lo stato di calamità per il settore agricolo, mentre la situazione occupazionale si aggrava in modo preoccupante. Il settore post-raccolta della frutta nella sola provincia di Ravenna, secondo le stime di Consorzi e Associazioni di Categoria, prevede che saranno mille gli stagionali in meno assunti. La cifra dovrebbe salire a 2500 persone che nella intera stagione agricola non saranno assunte in tutto il territorio romagnolo nel solo settore post raccolta. Una cifra che comunque non tiene conto di tutti gli addetti che fisicamente lavorano alla raccolta nei campi e che rende ancora più necessario un aiuto economico di supporto da parte della Regione e del Governo. Il comparto frutticolo romagnolo è un’eccellenza nostrana conosciuta in tutto il mondo e rischia di vedere diminuita la propria capacità produttiva se no, addirittura, il rischio di chiusura dell’attività. Di questi aiuti il comparto agricolo ha urgente bisogno, non di provvedimenti di sanatoria di chi lavora clandestinamente nei campi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il rischio – conclude il consigliere del Carroccio – è che i grandi gruppi di acquisto, vista la drammatica situazione, si rivolgano ora sui mercati esteri per far fronte alla domanda e, considerano l’abituale operatività degli accordi commerciali su più anni, possano rappresentare un ulteriore pericolo per le prossime produzioni romagnole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Violento schianto tra auto e moto: 18enne gravissimo in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento