rotate-mobile
Politica

Lavori all'incrocio "maledetto", Ancarani: "Monitorare le 'scorciatoie'"

"La raccomandazione ovviamente non va in direzione di un aumento delle procedure di sanzionamento, ma nella prevenzione e nel controllo anche della staticità dell'argine", afferma Ancarani

Il consigliere comunale di Forza Italia, Alberto Ancarani, intervenendo sui lavori all'incrocio semaforico tra le Statali Ravegnana ed Adriatica, pone l’attenzione sulla viabilità alternativa proposta per chi non potrà più attraversare l’incrocio nei prossimi due mesi. "Bene ha fatto il Comune a non proporre fra le ipotesi alternative la via argine sinistro Montone, trattandosi di percorso tutt’altro che idoneo a sostenere volumi di traffico elevati (e a dir la verità neppure i volumi di traffico che ordinariamente già sopporta) - esordisce l'esponente azzurro -. Ttuttavia non si può certo nascondersi dietro un dito".

"Quella “scorciatoia” (e probabilmente anche la ancor più stretta via argine destro) verrà ampiamente utilizzata da molti in quanto è ben conosciuta dai ravennati e gli stessi navigatori satellitari la consiglieranno come alternativa - prosegue Ancarani -. Sarà dunque necessario un monitoraggio particolarmente intenso dell’amministrazione e della Polizia Municipale su Borgo Montone e San Marco in quanto inevitabilmente il traffico aumenterà".

"La raccomandazione ovviamente non va in direzione di un aumento delle procedure di sanzionamento, ma nella prevenzione e nel controllo anche della staticità dell’argine su cui molto spesso è stato necessario intervenire - conclude -. Il tutto, ovviamente, auspicando che il termine dei lavori per la rotonda sia più vicino possibile e che quando essa sarà a pieno regime non succeda ciò che l’opposizione purtroppo paventa da tempo, ovvero che il traffico, e gli incidenti, aumenteranno anziché diminuire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori all'incrocio "maledetto", Ancarani: "Monitorare le 'scorciatoie'"

RavennaToday è in caricamento