rotate-mobile
Lunedì, 29 Maggio 2023
Politica

Ancisi: "Matteucci si dimetta dalla Fondazione Ravenna Manifestazioni"

La settimana scorsa, in base a questa prescrizione, il sindaco di Matera ha annunciato le sue dimissioni da presidente della Fondazione Matera capitale 2019

Il sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci deve dimettersi dalla presidenza della Fondazione Ravenna Manifestazioni. Lo chiede attraverso un''interrogazione il capogruppo di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ricordando che il decreto legislativo 39 del 2013 in materia di incompatibilita'' di incarichi tra amministrazioni pubbliche ed enti privati sotto controllo pubblico, dispone, tra l''altro, che "gli incarichi di presidente di ente di diritto privato in controllo pubblico di livello locale sono incompatibili con l''assunzione, nel corso dell''incarico, della carica di componente della giunta o del Consiglio di un Comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti". La settimana scorsa, in base a questa prescrizione, il sindaco di Matera ha annunciato le sue dimissioni da presidente della Fondazione Matera capitale 2019. E lo stesso dovrebbe fare Matteucci con Ravenna Manifestazioni.

Il Comune, infatti, la controlla essendo partecipe del capitale con una quota del 27,17%. Senza dimenticare, rimarca Ancisi, che "grava un aspetto su cui si appuntano riserve di trasparenza e di legittimità". Infatti, se si apprezzano i versamenti del Comune a favore della Fondazione, per la parte che contribuisce alle attività culturali di Ravenna Festival, ci sono riserve sull''affidamento da parte del Comune, mediante convenzione, della gestione del Teatro Alighieri, con un onere determinato all''origine in 637.280 euro annuali. Stessa riserva per l''affidamento della gestione del teatro Rasi alla cooperativa Ravenna Teatro, per un corrispettivo annuale imprecisato in convenzione, ma che per il 2012 era stato quantificato in 361.871 euro. I contributi finanziari erogati da una pubblica amministrazione ad enti di diritto privato per finalita'' di pubblico interesse, conclude Ancisi, "non possono in alcun modo riguardare o comprendere il corrispettivo per l''affidamento a tali enti della gestione di determinati servizi della pubblica amministrazione stessa, che può avvenire esclusivamente in base alle procedure previste dalla legislazione nazionale in conformita'' con la disciplina comunitaria". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancisi: "Matteucci si dimetta dalla Fondazione Ravenna Manifestazioni"

RavennaToday è in caricamento