menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancarani (FI) chiede di lasciare aperta via di Roma alla riapertura del ponte

Il consigliere comunale: "Molti cittadini hanno giudicato positivamente l’opportunità di poter liberamente transitare nel tratto in argomento e la sua percorribilità ha anche reso più sicura la zona in orari notturni"

L'esponente di Forza Italia Alberto Ancarani ha presentato una question time, al prossimo consiglio comunale utile di Ravenna, per chiedere di lasciare aperta via di Roma alla riapertura del ponte. "Con un ritardo di almeno due mesi rispetto ai tempi annunciati - ricorda il consigliere comunale. - si presume che a inizio marzo verrà riaperto il ponte Teodorico. Nei mesi di chiusura di detto ponte è stato necessario, anche su pressione dello scrivente, rendere liberamente transitabile il tratto di via di Roma da via Carducci a via Alberoni e in questo periodo il traffico cittadino è apparso molto più scorrevole consentendo ai veicoli di percorrere distanze minori in tempi più brevi, producendo pertanto un generale minor livello di smog nell’aria e determinando inoltre maggior risparmio per gli utenti. Con l’apertura del Ponte Teodorico diminuirebbe comunque il traffico nel citato tratto di via di Roma anche qualora venisse lasciato liberamente transitabile. Molti cittadini hanno giudicato positivamente l’opportunità di poter liberamente transitare nel tratto in argomento e la sua percorribilità ha anche reso più sicura la zona in orari notturni cosa che potrebbe portare l’amministrazione a valutare almeno in via sperimentale di proseguire nell’attuale regime di libero transito nonostante la riapertura del ponte. Per questi motivi sarebbe utile valutare di lasciare il tratto di via di Roma da via Carducci a via Alberoni liberamente transitabile anche quando verrà riaperto il Ponte Teodorico, eventualmente anche in via sperimentale".

Sullo stesso argomento è intervenuta anche Articolo Uno-Sinistra per Ravenna che, in una nota stampa, ha auspicato che "La apertura del nuovo, riqualificato Ponte Teodorico, che ci auguriamo imminente, deve essere l'occasione per superare immediatamente  le soluzioni emergenziali che hanno riportato traffico veicolare  in Via di Roma e  nel cuore del centro cittadino, con i conseguenti effetti di congestione e smog a tutti note, e deve essere occasione per migliorare e completare i percorsi pedonali e ciclabili per una mobilità sostenibile e pulita e per riqualificare la città estendendo le positive esperienze di riutilizzo di importanti spazi urbani per bar e ristoranti, per la vita sociale e culturale dei cittadini e per il turismo. Sarebbe infatti un gravissimo errore tornare indietro, non tenendo conto del Referendum con il quale la stragrande maggioranza dei cittadini di Ravenna decise di interrompere l’attraversamento degli assi stradali centrali ( Via di Roma e Via Guaccimanni) e  ignorando tutte le indicazioni dell' Unione Europea sulla mobilità sostenibile e la riqualificazione ecologica delle aree urbane. A tal proposito condividiamo le sollecitazioni pervenute da più parti di ricercare le soluzioni più idonee per dare continuità al percorso ciclopedonale, oggi interrotto tra  Porta Serrata e la rotonda dei Goti, che da Via S. Gaetanino deve portare, in condizioni di sicurezza  al Ponte Teodorico e a tutti i percorsi ciclabili che da esso partono verso il Parco Teodorico, la Darsena di Città, la ciclabile del mare per Punta Marina e Marina di Ravenna, ma anche verso il villaggio S. Giuseppe, la pineta S. Vitale, e verso Porto Corsini-Marina Romea in vista del prossimo collegamento con la Ciclovia nazionale “Adriatica”".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento